Aldo Trionfo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Aldo Trionfo (Genova, 12 dicembre 1921Genova, 3 marzo 1989) è stato un regista teatrale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Membro di una ricca famiglia della borghesia ebraica genovese, con Luchino Visconti, Giorgio Strehler, Luca Ronconi e Giancarlo Cobelli, è considerato uno dei massimi registi del teatro italiano del '900[senza fonte].

Nel 1957, a Genova fonda il caffè/teatro La borsa di Arlecchino, dove artisti come Emanuele Luzzati e Paolo Poli iniziaroro la loro carriera e dove si mettevano in scena autori, fino ad allora difficilmente rappresentati in Italia, come Ionesco, Jean Tardieu, René de Obaldia, Samuel Beckett, Arthur Adamov, Jean Genet.

Le prime importanti regie di Trionfo risalgono al 1963: Storia di Vasco di Georges Schehadé e Dialoghi con Leucò (1964) per il Teatro Stabile di Trieste, Tamburi nella notte di Bertolt Brecht per il Teatro Stabile di Bologna.

Dal 1972 al 1976 diresse il Teatro Stabile di Torino, dove consolidò il sodalizio con Emanuele Luzzati (e influenzando molti gruppi avanguardistici nati in quegli anni).

Nel 1976 con Tonino Conte e Emanuele Luzzati fonda a Genova il Teatro della Tosse dove realizza molti memorabili spettacoli.

Tra i tanti suoi altri allestimenti: Tito Andronico e Re Giovanni di Shakespeare, Faust-Marlowe-Burlesque (con Carmelo Bene e Franco Branciaroli), Peer Gynt e Il piccolo Eyolf di Henrik Ibsen, Elettra e Edipo a Colono di Sofocle, Le baccanti di Euripide, Puntila e il suo servo Matti di Bertolt Brecht, Vinzenz e l'amica degli uomini importanti di Robert Musil, Gesù di Carl Theodor Dreyer(con Franco Branciaroli) Candelaio di Giordano Bruno (con Sergio Castellitto e Luigi Pistillo).

Dal 1980 al 1986 diresse l'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica Silvio D'Amico.

Nel 1989 morì a Genova stroncato da un infarto.

Il Teatro della Tosse di Genova dal 1993 ha una sala chiamata "Aldo Trionfo" in memoria del regista.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Collaborò alla sceneggiatura del film La signora senza camelie di Michelangelo Antonioni e fu aiuto regista di Giuseppe De Santis per Un marito per Anna Zaccheo e di Luchino Visconti per Senso.

Nel 1988 dirige il suo ultimo spettacolo Però peccato, era una gran puttana per il Teatro della Tosse con Antonella Elia e con Sandro Palmieri.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro