Albino Alverà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Albino Alverà
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Discesa libera, slalom gigante, slalom speciale
Squadra Cortina
Ritirato 1953
Palmarès
Campionati italiani 2 1 2
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Albino Alverà (Cortina d'Ampezzo, 1 marzo 1923Cortina d'Ampezzo, 2004) è stato uno sciatore alpino e alpinista italiano.

È fratello di Silvio, anche lui sciatore alpino e alpinista di alto livello[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Carriera sciistica[modifica | modifica sorgente]

Sciatore attivo negli anni quaranta-cinquanta, ai Campionati italiani vinse due medaglie d'oro (slalom speciale[2] e slalom gigante[3] nel 1951), una medaglia d'argento (discesa libera e nel 1948[4]) e due medaglie di bronzo (slalom nel 1947[2], gigante nel 1955[3]).

Nel 1950 partecipò ai Mondiali disputati ad Åre, in Svezia[senza fonte] e prese parte ai VI Giochi olimpici invernali di Oslo 1952 (23° in slalom). In seguito divenne Maestro di sci e successivamente ottenne il titolo di Istruttore Nazionale.[5].

Carriera alpinistica[modifica | modifica sorgente]

Detto "Boni", fece parte del gruppo alpinistico Scoiattoli di Cortina di cui fu anche fondatore nel 1939[6]. Guida alpina dal 1945, aprì tra il 1942 e il 1960 di undici vie nelle montagne di Cortina e in quelle limitrofe. Alverà si dedicò in particolar modo alle Tofane, dove fece anche le prime ascensioni del primo e terzo spigolo[senza fonte].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Campionati italiani[modifica | modifica sorgente]

  • Campione italiano di slalom gigante nel 1951
  • Campione italiano di slalom speciale nel 1951

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda Sports-reference. URL consultato il 16 luglio 2010.
  2. ^ a b "Albo d'oro" sul sito della FISI (1931-2007). URL consultato il 10 agosto 2010.
  3. ^ a b "Albo d'oro" sul sito della FISI (1931-2007). URL consultato il 10 agosto 2010.
  4. ^ "Albo d'oro" sul sito della FISI (1931-2007). URL consultato il 10 agosto 2010.
  5. ^ "Storia" sul sito della scuola di sci "Monte Bianco". URL consultato il 10 agosto 2010.
  6. ^ Sito degli Scoiattoli di Cortina. URL consultato il 10 agosto 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]