Albia Dominica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Albia Dominica
Augusta dell'Impero romano
In carica 364378
Predecessore Marina Severa
Successore Flavia Massima Faustina Costanza ed Elia Flaccilla
Nascita 337 circa
Morte dopo il 378
Dinastia valentiniana
Padre Petronio
Consorte di Valente
Figli Carosa
Anastasia
Valentiniano Galate

Albia Dominica, nota anche come Albia Domnica (337 circa – dopo il 378), fu augusta dell'Impero romano e moglie dell'imperatore Valente.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dominica fu la figlia del potente e impopolare patricius Petronio;[1] sposa di Valente anteriormente all'elevazione al trono dell'Imperatore, fu nominata da lui augusta.[2] Si racconta che abbia convertito Valente all'arianesimo.[3]

Diede alla luce almeno due figlie (Anastasia e Carosa)[4] prima del figlio ed erede, Valentiniano Galate (366-370), la cui morte prematura fu un grosso colpo per i genitori. Valentiniano era affetto da una malattia: la madre fece un sogno in cui le veniva detto che tale malattia era la punizione per il trattamento al quale Valente, che era un semi-ariano, aveva sottoposto il vescovo ortodosso Basilio di Cesarea, il quale, alla richiesta di pregare per la guarigione del bambino, rispose che lo avrebbe fatto solo a patto che Valente si fosse convertito all'ortodossia. L'imperatore rifiutò di convertirsi e di battezzare il figlio secondo il rito ortodosso, giungendo a battezzarlo secondo quello ariano, ma poco dopo Galate morì.

Dopo la morte di Valente nella battaglia di Adrianopoli (378), Dominica pagò col tesoro imperiale quei cittadini che si fossero prestati alla difesa di Costantinopoli dagli invasori. Protesse Costantinopoli dai Goti fino all'arrivo del successore del marito, Teodosio I.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ammiano Marcellino, Storie, xxvi.6.7.
  2. ^ Giordane, Romana, 314.
  3. ^ Teodoreto di Cirro, Storia ecclesiastica, iv.12.3-4, iv.19.8-9.
  4. ^ Socrate Scolastico, Storia ecclesiastica, iv.26.21, v.1.3; Sozomeno, vii.1.2; Chronicon Paschale, s.a. 364; Giordane, Romana 314.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Arnold Hugh Martin Jones, John Robert Martindale, John Morris, "Domnica", The Prosopography of the Later Roman Empire, volume 1, Cambridge University Press, 1971, ISBN 0-521-07233-6, p. 265.
  • J. McCabe, The Empresses of Rome (1911).
  • Thomas Banchich, Domnica Augusta, Wife of the Emperor Valens, Canisius College, 11-3-97. URL consultato il 5-10-07.
Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma