Alberto da Giussano (incrociatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alberto di Giussano
RN Alberto da Giussano.jpg
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
Tipo incrociatore leggero
Classe Condottieri tipo Alberto di Giussano
Costruttori Ansaldo, Genova
Impostata 29 marzo 1928
Varata 27 marzo 1930
Entrata in servizio 1º gennaio 1931
Destino finale Affondato, 13 dicembre 1941
Caratteristiche generali
Dislocamento 6.570 t (standard); 6.954 t (pieno carico)
Lunghezza 169,3 m
Larghezza 15,5 m
Pescaggio 5,3 m
Propulsione 6 caldaie, 2 turbine, 2 eliche
95.000 CV
Velocità 37 nodi  (42 durante le prove km/h)
Autonomia 3.800 mn a 18 nodi (7.037 km a 33 km/h)
Equipaggio 507, di cui 19 ufficiali
Armamento
Artiglieria
Nel 1938/39 i pezzi da 37/54 furono sostituiti con pezzi da 20/65 e furono imbarcate due lanciabombe antisommergibile
Siluri 4 tubi lanciasiluri da 533 mm
Corazzatura Orizzontale: 20 mm; Verticale: 24 mm; Artiglierie: 23 mm; Torrione: 40 mm.
Mezzi aerei 2 × IMAM Ro.43
catapulte fisse a prua

dati tratti da [1]

voci di incrociatori presenti su Wikipedia

L'Alberto di Giussano fu un incrociatore leggero, primo della sua classe della Regia Marina, battezzato in onore di Alberto da Giussano, il cavaliere che secondo la leggenda guidò la difesa del carroccio alla battaglia di Legnano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'incrociatore Alberto da Giussano nel 1935 in partenza per l'Africa orientale

L'unità venne impostata nel 1928 e varata il 27 aprile 1930. Come tutte le unità della sua serie della classe Condottieri, era molto veloce ma completamente priva di corazzature e protezioni (tra i 20 e i 40 mm, con alcune aree pressoché scoperte), tanto che persino i proiettili da 102 e 120 mm dei cacciatorpediniere britannici potevano perforarne lo scafo anche a distanze di tiro normali. La già scarsa corazzatura era più estesa e pesante nella protezione del torrione (dove risiedevano gli organi di controllo del tiro) che attorno ai motori, ovvero alla parte più "pregiata" ed importante della nave; carente era anche la protezione subacquea in confronto alle unità impostate dalla Regia Marina negli anni successivi, e per questo motivo le prime serie dei "Condottieri" furono detti incrociatori di carta o anche incrociatori di carta velina. Buono (per l'epoca) risultava invece l'armamento, che però allo scoppio della guerra era divenuto insufficiente nel ruolo anti aereo, visto il rapidissimo sviluppo dell'aviazione nella seconda metà degli anni '30 e negli anni '40. La pianificazione militare della Regia Marina d'anteguerra aveva preso a confronto soprattutto la marina militare francese (dove molte unità erano costruite tenendo conto della velocità come fattore fondamentale) e si basava sul presupposto, teoricamente corretto ma in pratica superato dai fatti, che un'elevata velocità fungeva da protezione contro i siluri e le motosiluranti e permetteva agli incrociatori di attaccare in condizioni di superiorità e fuggire in condizioni di inferiorità (anche perché nella prima guerra mondiale sovente piccole squadre veloci della flotta austro-ungarica erano riuscite a sottrarsi agli scontri, o a bombardare le coste adriatiche prima dell'arrivo della flotta italiana). La minaccia rappresentata dalle mine venne invece sottovalutata, malgrado le lezioni della prima guerra mondiale in Adriatico.

L'incrociatore Alberto da Giussano a Venezia

Negli trenta l'incrociatore partecipò alle normali attività in tempo di pace della flotta come unità del 2º Squadrone, inclusi servizi connessi alla guerra civile spagnola. Il 10 giugno 1940 insieme al 1º Squadrone fece parte della IV Divisione Incrociatori e partecipò in luglio alla battaglia di Punta Stilo, nel corso della quale lanciò un idrovolante per la ricognizione.

Eseguì una sortita per deporre mine al largo di Pantelleria in agosto e per il resto dell'anno agì come copertura a distanza per convogli truppe e rifornimenti diretti in nord Africa.

Il 9 dicembre 1941, al comando del capitano di vascello Giovanni Marabotto, lasciò il porto di Palermo insieme alla nave gemella Alberico da Barbiano per trasportare rifornimenti urgenti di carburante per aerei a Tripoli. Tuttavia l'ammiraglio Toscano, comandante della IV Divisione, ritenendo, dopo l'avvistamento da parte della ricognizione aerea britannica, che la sorpresa (indispensabile per la riuscita della missione) fosse ormai sfumata, ordinò il rientro.

Il 12 dicembre, tuttavia, essendoci in Libia un disperato bisogno del carburante, i due incrociatori dovettero ripartire. Vennero intercettati al largo di Capo Bon e affondati dai quattro cacciatorpediniere nemici (i britannici Sikh, Legion e Maori e l'olandese Hr. Ms. Isaac Sweers) della 4th Destroyer Flotilla della Royal Navy: il Di Giussano reagì sparando tre salve, ma fu poi colpito da almeno due siluri del Maori (che ne aveva lanciati sei) e da colpi d'artiglieria; alcune tubazioni scoppiarono, ustionando i macchinisti e bloccando l'elica sinistra. L'incendio si sviluppò in maniera meno rapida e violenta che sul Da Barbiano, ma la nave, immobilizzata ed in fiamme, dovette essere abbandonata e affondò, spezzandosi in due, alle 4.20 del 13 dicembre.

Morirono 283 uomini dei 720 che componevano l'equipaggio. Da una testimonianza di un marinaio a bordo risulta che dopo essere colpita la nave si incendiò subito dopo e lo sversamento del carburante estese l'incendio nella zona di mare circostante. Alcuni marinai morirono tra le fiamme altri furono dispersi in mare. La scialuppa che teneva a bordo il comandante e alcuni ufficiali prese il largo mettendosi in salvo e lasciando sul campo molti marinai che trovarono la morte in mare. [2].

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Giorgio Giorgerini, La guerra italiana sul mare. La marina fra vittoria e sconfitta 1940-1943

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alberto da Giussano - Incrociatore leggero in marina.difesa.it. URL consultato il 27 giugno 2014.
  2. ^ salvatorefuca - Articoli e post su salvatorefuca trovati nei migliori blog


marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina