Alberto Trabucchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alberto Trabucchi (Verona, 26 luglio 1907Padova, 18 aprile 1998) è stato un giurista italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo gli studi primari, svolti nella città natale, si laureò in giurisprudenza all'Università di Padova nel 1928. Fu allievo, fra gli altri, di Francesco Carnelutti.

Dopo la laurea divenne assistente alla cattedra di filosofia del diritto, diretta da Adolfo Ravà.

Dal 1935 fu professore incaricato di diritto civile nell'Università di Ferrara e nell'Università di Venezia.

Dal 1942 fu professore ordinario di diritto civile nell'Università di Padova. Successivamente insegnò anche istituzioni di diritto privato all'Università di Innsbruck. Per il suo rigore agli esami subì dure ma rispettose contestazioni nel 1968.

Nel 1945 sposò Ferdinanda Nanni dei conti Sparavieri, anche lei veronese, dalla quale ebbe cinque figli.

Dal 1952 al 1993 fu sindaco di Illasi(Vr).

Dal 1962 fu giudice alla Corte di giustizia della Comunità Europea, e dal 1972 avvocato generale della medesima.

Fu tra i componenti del comitato promotore del referendum abrogativo della legge che nel 1970 introdusse in Italia il divorzio.

Fu socio di numerose società e accademie scientifiche nazionali e internazionali, tra le quali l'Accademia Nazionale dei Lincei (dal 1978).

Fu insignito delle più alte onorificenze italiane ed europee.

Le sue Istituzioni di diritto civile rappresentano un punto di riferimento per la scienza del diritto privato italiano e per l'insegnamento universitario (Enciclopedia Biografica Universale Treccani) e così per la creazione, con l'allievo Giorgio Cian, della collana dei Breviaria Iuris.

Di recente gli sono state dedicate: un'aula nell'Università di Verona, un'aula nel Tribunale di Padova e la biblioteca comunale di Illasi. Un suo busto lo commemora nell'Aula Ederle di Palazzo Bo a Padova.

Opere principali[modifica | modifica sorgente]

  • Istituzioni di diritto civile, 45ª edizione, Cedam, 2011
  • Il matrimonio putativo, 1936
  • Il dolo nella teoria dei vizi del volere, 1937
  • Il trasferimento dei diritti sul credito ceduto "pro solvendo", 1937
  • Il rispetto del testo nell'interpretazione degli atti di ultima volontà, 1950
  • La stima dei beni e criteri legali di valutazione, 1952
  • Codice delle comunità europee, 1962
  • Per una visione sistematica del diritto comunitario. Comunità europee e sovranità degli stati, 1967
  • Commentario al diritto italiano della famiglia, 1996
  • Commentario breve al codice civile, 2008

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Alberto Trabucchi, inter alia, in Enciclopedia Biografica Universale Treccani, XIX, p. 564, Istituto della Enciclopedia Italiana, Roma, 2007.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 110226467 LCCN: n/81/58924