Alberto Giubilo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alberto Giubilo (Roma, 13 dicembre 1917Roma, 15 maggio 1997) è stato un giornalista e telecronista sportivo italiano. È stato la voce dell'ippica (galoppo, trotto, equitazione) dal 1946 al 1997.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Eugenio Danese, Mario Ferretti e Alberto Giubilo nella redazione di Domenica sport alla RAI di Roma nel 1951

Laureato in Legge, Giubilo esordì alla radio nel 1939 e nel 1953 avviene il passaggio in televisione. La prima telecronaca (in contemporanea alla radiocronaca) ippica della Rai fu proprio di Alberto Giubilo nel 1954.

Figlio d’arte (il padre Giuseppe Giubilo è stato un grande giornalista romano), fratello di Corrado (ex calciatore degli anni '30-'50) e Gianfranco Giubilo (giornalista sportivo) è ricordato anche per un documentario dal nome Poesia del trotto che è stato proiettato alla Mostra di Venezia, nella sezione controcampo italiano, meritando una menzione speciale. Fino al 1975 circa è stato anche Capo Ufficio Stampa dell'U.N.I.R.E., il massimo Ente ippico italiano. È comparso anche nel film Febbre da cavallo.

È morto a Roma il 15 maggio 1997, alla soglia degli 80 anni.

Grazie a Giulio Andreotti, oggi ad Alberto Giubilo è dedicato un importante premio del calendario ippico.