Alberto Cisolla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alberto Cisolla
Alberto Cisolla.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 197 cm
Peso 95 kg
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Schiacciatore
Squadra Impavida Ortona Impavida Ortona
Carriera
Giovanili
1994-1996 Sisley Treviso Sisley Treviso
Squadre di club
1996-2009 Sisley Treviso Sisley Treviso
2009-2010 Lube Macerata Lube Macerata
2010-2012 M. Roma Volley M. Roma Volley
2012-2013 Top Latina Top Latina
2013 Al-Muharraq SC Al-Muharraq SC
2013-2014 Callipo Vibo Valentia Callipo Vibo Valentia
2014- Impavida Ortona Impavida Ortona
Nazionale
2000-2009 Italia Italia 197
Palmarès
Transparent.png Giochi olimpici
Argento Atene 2004
Transparent.png Campionato europeo
Oro Italia-Serbia&Mont. 2005
Transparent.png World League
Argento Madrid 2003
Bronzo Roma 2004
Transparent.png Coppa del Mondo
Argento Giappone 2003
Transparent.png Grand Champions Cup
Bronzo Giappone 2005
Statistiche aggiornate al 26 luglio 2013

Alberto Cisolla (Treviso, 10 ottobre 1977) è un pallavolista e commentatore televisivo italiano.

Gioca nel ruolo di schiacciatore nella Pallavolo Impavida Ortona.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò la sua carriera nelle giovanili della squadra della sua città, la Sisley Volley. Esordì in prima squadra nel 1996, diventando negli anni un uomo simbolo della squadra, con la quale vinse 16 trofei nazionali e 6 competizioni internazionali. Vinse inoltre il titolo di miglior giocatore della stagione 2004-05, disputando una positiva serie di finali che Treviso vinse contro il Perugia Volley.

Vanta numerose presenze nelle file della nazionale italiana, nella quale esordì nel 2000. Con la maglia azzurra ha vinto la medaglia d'argento alle Olimpiadi di Atene 2004 e l'oro agli Europei 2005, manifestazione per cui ha ricevuto anche il premio individuale come MVP. Ha poi ottenuto 2 secondi posti (2001, 2004) e un terzo posto (2003) alla World League e un secondo posto alla Coppa del Mondo del 2003. Nel 2007 è diventato capitano della Nazionale, con cui ha giocato fino al 2009.

Nel 2009, oltre a concludersi la carriera in Nazionale, si concluse anche la sua esperienza nella Sisley Treviso, durata in totale 13 anni. Si trasferì alla Lube Banca Marche Macerata, con la quale disputò un solo campionato. Nel 2010 passò alla M. Roma Volley, militandovi per due stagioni. Nella stagione 2012-13 venne ingaggiato dal Top Volley di Latina; non concluse però la stagione, e a nel marzo 2013 si trasferì in Bahrein per giocare nel Al-Muharraq.

Nell'estate del 2013, a volley-mercato già concluso, venne ingaggiato dalla Tonno Callipo Vibo Valentia. A causa del ritardo burocratico poté esordire nel campionato 2013-14 solamente a partire dalla 4ª giornata[1].

Nella stagione successiva, l' 11 ottobre 2014, sempre a volley-mercato già concluso, trova l'accordo con la Sieco Service Ortona giocando quindi dalla 3ª giornata, a causa di ritardi burocratici, per tutta la stagione nel campionato di Serie A2.

Nell'estate del 2012, in occasione delle Olimpiadi di Londra, è stato commentatore del torneo maschile di pallavolo per il canale televisivo satellitare Sky Sport[2].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

1997-98, 1998-99, 2000-01, 2002-03, 2003-04, 2004-05, 2006-07
1999-00, 2003-04, 2004-05, 2006-07
1998, 2000, 2001, 2003, 2004, 2005, 2007
1998-99, 1999-00, 2005-06
1997-98, 2002-03
1999

Premi individuali[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 27 settembre 2004. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cisolla e Farina insieme a Vibo. URL consultato il 26 luglio 2013.
  2. ^ Anche Alberto Cisolla nella squadra di commentatori di Sky Sport. URL consultato il 26 luglio 2013.
  3. ^ Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Alberto Cisolla. URL consultato il 12 aprile 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]