Albert Besnard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La sirena

Paul Albert Besnard (Parigi, 2 gennaio 1849Parigi, 4 dicembre 1934) è stato un pittore e incisore francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Paul Albert Besnard (pron. Benàr) fu figlio d'arte; il padre, Louis Adolphe, era pittore e la madre, Louise Pauline Vaillant, era un'apprezzata miniaturista, allieva di Lizinska de Mirbel. Besnard studiò all'inizio con Jean-François Brémond e a 17 anni entrò alla Scuola di Belle arti di Parigi, dove ebbe come insegnante Alexandre Cabanel.
Nel 1874, vinse il Prix de Rome con la tela "Morte di Timofane, tiranno di Corinto", e durante il suo soggiorno a Roma ebbe occasione di conoscere Franz Liszt.[1] Prolungò la sua permanenza in Italia e, nel 1879 sposò la scultrice Charlotte Dubray, figlia dello scultore Gabriel-Vital Dubray, con la quale si trasferì per tre anni in Inghilterra, sino al 1884, esponendo alla Royal Academy of Arts di Londra.

Al Salon di Parigi del 1886 il suo "Ritratto di Madame Roger Jourdain" (oggi al Musée d'Orsay), mise in evidenza quei caratteri che sarebbero divenuti il suo vero stile, basato su di un uso personalissimo di luci ed ombre, influenzato dall' impressionismo e dalla tecnica di Carolus-Duran.
Nel 1887 presentò la "Donna davanti al caminetto". Eseguì numerosi ritratti:

E altri ancora.

Contribuì inoltre alla decorazione di molti monumenti parigini:

  • Il soffitto del salone delle Scienze al Municipio di Parigi
  • Il vestibolo della "Scuola di Farmacia di Parigi"
  • L'anfiteatro di chimica della Sorbona
  • Il soffitto della Comédie-Française
  • La cupola del Petit Palais
  • La sala dei matrimoni del municipio del 1° Arrondissement.
Capelli rossi

Partecipò anche alla decorazione di edifici privati, come l'Hotel Rouché, assieme a Maurice Denis e Georges Desvallières, e realizzò decorazioni all'estero. Nel 1908, infatti, dipinse l' "Unione dell'Austria-Ungheria e della Francia" all'ambasciata di Francia a Vienna e, nel 1914, realizzò "La Pace attraverso l'arbitraggio" per la Sala di giustizia del Palazzo della Pace a l'Aia.

I suoi lavori d'incisione ammontano a più di duecento acqueforti, di cui alcune, sotto forma di serie, sono rimaste celebri: "La donna", "Elle", "L'affare Clemenceau", "L'isola felice", "Le piccole voluttà", etc.[2].

Nel 1910, assieme a sua moglie e ai figli, Besnard fece un viaggio di nove mesi in India. Visitò, fra le altre mete, Ceylon, l'India meridionale, Pondichéry, Rajastan e Bombay. Ritornò carico di disegni, schizzi, appunti e bozzetti e raccontò poi tale esperienza in un libro: "L'uomo in rosa".
Nel 1912 divenne membro dell'Accademia di Belle arti di Parigi.
Nel 1913 venne nominato Direttore dell'Accademia di Francia a Roma (Villa Medici), come successore di Carolus-Duran. Tornato in patria nel 1922 gli fu offerta la Direzione della Scuola di Belle arti di Parigi.
Infine, il 27 novembre del 1924 fu eletto membro dell'Académie française, divenendo così il primo pittore che veniva a far parte della prestigiosa istituzione dal lontano 1760.

Paul Albert Besnard morì a Parigi nel 1934, all'età di 85 anni. Dopo i funerali di Stato, celebrati nella chiesa di Saint-Ferdinand des Ternes, fu sepolto nel cimitero di Montparnasse.

I figli[modifica | modifica wikitesto]

Pensierosa
  • Louis Besnard - 1873-1962, pittore. (Nato prima del matrimonio da una relazione con Ernestine Aubourg)
  • Robert Besnard - 1881-1914, pittore. (Morì in guerra a Chauny)
  • Germaine Besnard - 1884-1975, scultrice. (Sposò in prime nozze il pittore Marius Avy)
  • Philippe Besnard - 1885-1971, scultore.
  • Jean Besnard - 1889-1958, ceramista d'arte.

Decorazioni e Ordini[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti e omaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Un giardino pubblico gli è stato dedicato nella piazza Maréchal Juin (Parigi 17, già piazza Péreire). Vi si trova il suo busto eseguito dal figlio Philippe.
  • John Sargent nel 1885 lo ha rappresentato in mezzo alla sua famiglia nel quadro intitolato Festa familiare[3].
  • Edmond Aman-Jean ha realizzato il suo ritratto verso il 1896.
  • André-Charles Coppier ha inciso un suo ritratto (acquaforte).
  • L'incisore André Jacques ha eseguito anche lui un suo ritratto all'acquaforte.
  • René-Xavier Prinet ha rappresentato la sua introduzione all'Istituto nel 1912.
  • Maurice Denis l'ha ritratto sul letto di morte.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • "Annecy", Parigi, Émile Paul, 1930.
  • "Georges de La Tour" (con Georges Wildenstein), - Edizioni di studi e documenti sulle Belle arti, Parigi. 1928.
  • "Sotto il cielo di Roma. Ricordi", - Les Éditions de France, Parigi. 1925.
  • "L’uomo in rosa – L’India color sangue", - Ediz. Eugène Fasquelle, Parigi. 1913.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Sotto il cielo di Roma"
  2. ^ La Galleria André Candillier, a Parigi in "rue de Seine" ha dedicato una mostra alle incisioni di Besnard nel giugno del 1979
  3. ^ Minneaplois Institute of Arts. The Ethel Morrisson Van Derlip and The John R. Van Derlip Funds

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Ritratto di donna
  • Chantal Beauvalot e alt. : Albert Besnard 1849-1934, Catalogo della mostra al Museo Eugène Boudin di Honfleur, 2008.
  • Benoît Noël, Sept moments de la vie de Roger Jourdain, in: "Le Pays d’Auge"; A proposito del ritratto di Henriette Jourdain di Albert Besnard. 2005.
  • Benoît Noël e Jean Hournon, Parisiana - La Capitale des peintres au XIXe, - Ediz. Les Presses Franciliennes, Parigi, A proposito del ritratto di Henriette Jourdain di Albert Besnard. 2006.
  • Benoît Noël, Roger Jourdain, un maire de Rueil-Malmaison atypique, in: "Bulletin de la Société Historique de Rueil-Malmaison", A proposito del ritratto di Henriette Jourdain di Albert Besnard. 2001.
  • Benoît Noël e Jean Hournon, Les Arts en Seine, le paradis des peintres, - Ediz. Les Presses Franciliennes, Parigi, A proposito di Albert Besnard canottiere, in compagnia di Guy de Maupassant. 2004.
  • Jean-Louis Vaudoyer: Albert Besnard, - Ediz. Félix Alcan, Parigi, 1933.
  • Louis Godefroy : Le Peintre-Graveur illustré. Albert Besnard, Tomo III della serie di Loÿs Delteil, Chez l’auteur, Parigi, 1926.
  • Georges Lecomte: Albert Besnard, Prefazione di Gustave Geffroy, - Ediz. Nilsson, Parigi, 1925.
  • André-Charles Coppier: Les Eaux-Fortes de Besnard, - Ediz. Berger-Levrault, Parigi, 1920.
  • Henry Cochin: L’œuvre de guerre du peintre Albert Besnard, - Ediz. La Renaissance du Livre, Parigi, 1918.
  • Camille Mauclair: Albert Besnard, L’homme et l’œuvre, - Ediz. Delagrave, Parigi, 1914.
  • Gabriel Mourey : Albert Besnard, - Ediz. H. Davoust, Parigi, 1906.
  • Roger Marx: The Painter Albert Besnard, - Ediz. A. Hennuyer, Parigi, 1893.
  • Frantz Jourdain: Le peintre Albert Besnard, - Ediz. Boussod-Valadon, Parigi, 1888.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Albert Besnard
Fotografia di ignoto

Controllo di autorità VIAF: 10120679 LCCN: nr97017896