Alberico Sala

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alberico Sala (Vailate, 1923Vailate, 1991) è stato uno scrittore, poeta e critico d'arte italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Alberico Sala è lombardo di Vailate, paese della Gera d'Adda, contrada dove nacquero il Caravaggio e lo Straparola. Giovanissimo, ha intrapreso la carriera giornalistica. Dopo una parentesi bergamasca e una sosta romana, negli anni sessanta assunse la critica cinematografica del Corriere d'Informazione, di cui Montale era critico musicale. Con Dino Buzzati, avviò la pagina d'arte del Corriere della Sera, al quale tornò nel 1978, dopo essere stato, per cinque anni, titolare della critica d'arte de Il Giorno. Scrisse più di un romanzo che riscosse vivo successo di critica e di pubblico, "La prigione verde", e "Piazza del Duomo", inoltre la sua biografia si compone di vari titoli di poesia: Epigrafi e canti del 1957, Sempre più difficile con cui vinse il Premio Cervia nel 1960. Poesie di Alberico Sala sono incluse nelle più autorevoli antologie, da quella di Anceschi e Chiara a quella di Falqui, di Ravegnani e Titta Rosa a quella di Quasimodo. È stato tradotto in varie lingue, tra cui l'arabo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie