Albanatto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Albanatto (... – XII secolo a.C.) secondo Goffredo di Monmouth, fu il sovrano fondatore di Alba (il nome della Scozia in lingua gaelica scozzese).

Era il più giovane dei figli di Bruto, un discendente di Enea di Troia. Secondo la leggenda, dopo la morte di Bruto, il figlio più anziano, Locrino, ebbe Loegria (Inghilterra), il mezzano, Camber, la Cambria (Galles) e il più giovane, Albanatto, Albania, appunto la Scozia. La tradizione racconta che Albanatto fu ucciso poco dopo la sua salita al trono da Humber, re degli unni. Quest'ultimo invase la Scozia dalla Germania, uccidendo Albanatto in battaglia. Ciò costrinse gli abitanti di Alba a fuggire verso sud presso Locrino. Tutto ciò accadde presumibilmente prima dell'invasione dei pitti e degli scoti. In seguito i re d'Inghilterra, in particolare Edoardo I, utilizzarono la leggenda di Bruto e Albanatto per rivendicare il loro diritto di possesso sulla Scozia, argomentando che l'Inghilterra aveva uno status superiore alla Scozia, dato che Locrino era il fratello maggiore. La stessa motivazione venne accampata per rivendicare il dominio sul Galles. Albanatto occupa un piccolo posto nei miti sull'origine della Scozia. Gli scozzesi hanno invece fortemente sottolineato la loro discendenza da Goídel Glas (gaelici) e sua moglie Scota.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Re di Alba Successore
Bruto XII secolo a.C. Locrino