Alaaeldin Abouelkassem

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alaaeldin Abouelkassem
Alaaeldin Abouelkassem Challenge Revenu 2013.jpg
Dati biografici
Nome Alaaeldin Mohamed El Sayed Abouelkassem
Nazionalità Egitto Egitto
Altezza 188 cm
Peso 82 kg
Scherma Fencing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Fioretto
Palmarès
Egitto Egitto
Giochi olimpici Olympic rings with white rims.svg 0 1 0
Giochi panarabi 2 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 31 luglio 2012

Alaaeldin Mohamed El Sayed Abouelkassem (in in arabo: علاء الدين أبو القاسم; Sétif, 25 novembre 1990) è uno schermidore egiziano, specialista del fioretto.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

ʿAlāʾ al-Dīn Muḥammad Abū l-Qāsim (è questa la corretta traslitterazione dall'arabo del nome) è nato in Algeria nel 1990, da padre egiziano e madre algerina. Vive e si allena ad Alessandria d'Egitto.

Nel 2011 ha ottenuto due medaglie d'oro ai Giochi panarabi di Doha, vincendo nel fioretto individuale e nel torneo a squadre[1].

Nel 2012 fa parte della squadra olimpica di scherma ai Giochi della XXX Olimpiade di Londra[2], dove sconfigge, ai quarti, l'italiano Andrea Cassarà[3], campione del mondo in carica. Qualificatosi poi per la finale, perde la medaglia d'oro contro il cinese Lei Sheng, per 15 a 13, conquistando comunque una storica affermazione, la prima medaglia olimpica per la scherma egiziana, del continente africano e del mondo arabo.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

In carriera ha conseguito i seguenti risultati:

Londra 2012: argento nel fioretto individuale.
Doha 2011: oro nel fioretto a squadre e individuale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ABOUELKASSEM Alaa Eldin dal sito ufficiale dei Giochi panarabi 2011
  2. ^ Alaaeldin Abouelkassem, dal sito ufficiale dei Giochi della XXX Olimpiade
  3. ^ Fioretto: in semifinale solo Baldini. Finisce ai quarti a sorpresa la corsa di Cassarà e Aspromonte, Rai Sport, 31 luglio 2012

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]