Al di là delle nuvole

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Al di là delle nuvole
Al di là delle nuvole (film 1995).JPG
Una scena del film
Titolo originale Beyond the clouds
Paese di produzione Italia, Francia, Germania
Anno 1995
Durata 112 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,66:1
Genere drammatico, romantico
Regia Michelangelo Antonioni, Wim Wenders
Soggetto Michelangelo Antonioni, Wim Wenders, Tonino Guerra
Sceneggiatura Michelangelo Antonioni, Wim Wenders, Tonino Guerra
Produttore Philippe Carcassone, Vittorio Cecchi Gori
Art director Thierry Flamand
Fotografia Alfio Contini (segmento di Antonioni); Robby Müller (segmento di Wenders)
Montaggio Michelangelo Antonioni, Peter Przygodda, Lucian Segura
Musiche U2, Van Morrison, Laurent Petitgand, Bach, Lucio Dalla, Angelo Talocci (music director)
Scenografia Thierry Flamand
Costumi Esther Walz
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Al di là delle nuvole è un film del 1995 diretto da Michelangelo Antonioni con la collaborazione di Wim Wenders.

La trama si ispira a un libro dello stesso Antonioni, Quel bowling sul Tevere, ed è interpretato da John Malkovich, Fanny Ardant, Kim Rossi Stuart, Jean Reno, Sophie Marceau, Irène Jacob, Marcello Mastroianni, Peter Weller e Inés Sastre.

La sceneggiatura è firmata dai due registi con Tonino Guerra, già assiduo collaboratore di Antonioni; hanno collaborato però anche Francesco Marcucci (non accreditato) per i dialoghi e Soheil Godsy per l'adattamento alla lingua francese.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il film è diviso in quattro storie. Nelle nebbie di Ferrara (città natale di Antonioni) un ragazzo e una ragazza s'incontrano, si piacciono, vanno a letto ma non fanno l'amore né lo faranno, per lui la rinuncia a vivere la passione è un piacere che prolunga il desiderio senza appagarlo.

Sotto la pioggia a Portofino, la ragazza (Sophie Marceau) racconta al regista (John Malkovich) di avere ucciso il proprio padre con molte coltellate; il fantasma del crimine quasi moltiplica l'empito nel breve incontro, nella stretta carnale nuda, vorace, affannata.

In una Parigi rannuvolata il gioco delle parti amorose tra Patricia, il marito, una signora, Carlo, si fa astioso, erotico, nudo, e consente di venire di colpo affascinati da una ragazza che parla dell'anima.

Nell'oscurità della sera piovosa a Aix-en-Provence, Niccolò s'innamora repentinamente di una ragazza (Irène Jacob) che è già innamorata di Dio, prenderà i voti ed entrerà in convento l'indomani.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • L'episodio ambientato a Portofino rievocherebbe in parte il primo incontro fra il regista, Michelangelo Antonioni ed Enrica Fico. Quest'ultima è stata moglie di Antonioni, che aveva conosciuto nel 1972.
  • La macchina fotografica usata nel film da John Malkovich per i suoi sopralluoghi è una Contax G1 a telemetro.
  • Nella versione originale non doppiata si parlano tre lingue: Italiano, Inglese e Francese - tra cui Mastroianni - a seconda degli episodi.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema