Al Khalifa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La dinastia Al Khalifa (arabo: آل خليفة‎) è la famiglia reale del Bahrain. Gli Al Khalifa professano l'islam sunnita e appartengono alla tribù Anizah che migrò da Najd in Kuwait nel XVIII secolo. Sono anche dalla tribù Utub. L'attuale capo della famiglia è Hamad ibn Isa Al Khalifa, emiro del Bahrain, dal 1999 che si autoproclamò re del Bahrain nel 2002.

Dal 2010, circa la metà dei ministri del Bahrain sono stati selezionati dalla famiglia reale, [3], mentre il primo ministro Khalifah ibn Sulman al-Khalifah, (in carica dal 1971) è lo zio dell'attuale re.

Trascrizione[modifica | modifica sorgente]

Al Khalifa è di solito trascritto come al-Khalifa. La Al (آل) in questo caso significa casa nel senso di dinastia è non è un articolo determinativo.

Sovrani del Bahrain della dinastia Al Khalifa[modifica | modifica sorgente]

Hakim del Bahrain (1783-1971)[modifica | modifica sorgente]

  • Salman bin Ahmad Al Khalifa (1796-1825)
  • Khalifah bin Sulman Al Khalifa (1825-1834)

Emiro del Bahrain (1971-2002)[modifica | modifica sorgente]

Re del Bahrain (2002- )[modifica | modifica sorgente]

  • Hamad bin Isa Al Khalifa (2002- ).

Altri membri rilevanti[modifica | modifica sorgente]

  • Salman bin Hamad ibn Isa Al Khalifa, cerede al trono e comandante dell'esercito del Bahrain.
  • Khalifa bin Salman Al Khalifa, Primo Ministro del Bahrain (16 December 1971 - ), figlio di Salman ibn Hamad Al Khalifa (Emiro, 1941–1961) e fratello di Isa ibn Salman Al Khalifa (Hakim, 1961–1971; Emir, 1971–1999). l'attuale re è suo nipote.
  • Mohammad bin Salman Al Khalifa, fratello di Isa ibn Salman Al Khalifa (Hakim, 1961–1971; Emir, 1971–1999) e del primo ministro Khalifa ibn Salman Al Khalifa.
  • Mai Al Khalifa, ministro della cultura.
  • Meriam Al Khalifa, parente di re Hamad ibn Isa Al Khalifa; ha sposato Jason Johnson, membro dei marines degli Stati Uniti e mormona, contro il volere della famiglia, trasferendosi negli USA. Hanno divorziato un giorno dopo il loro quinto anniversario, il 17 novembre 2004.


Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]