Al Arabiya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Al Arabiya
Logo Al Arabiya.jpg
Paese Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti
Data di lancio 2003
Editore MBC
Sito www.alarabiya.net
Diffusione
Satellite
Digitale DVB-S, in chiaro su Hotbird ed altri satelliti
Streaming
Digitale Adobe Flash, gratuito sul sito www.tiscali.it

Al Arabiya (Arabo: العربية) è un'emittente televisiva degli Emirati Arabi Uniti, con sede a Dubai, interamente dedicata ai notiziari ed ai programmi d'approfondimento giornalistico, fondata il 3 marzo 2003.

L'emittente è nata da un finanziamento di 300 milioni di dollari statunitensi da parte dei proprietari della MBC, il gruppo libanese Hariri Group, più altri investimenti dall'Arabia Saudita, Kuwait e dal Golfo Persico; nata per contrastare la supremazia di Al Jazeera, la combatte usando le sue stesse armi, cioè la tempestività nel fornire notizie, specie se dell'ultimo minuto, e la trasmissione dei filmati forniti dai militanti islamici che compiono attentati o rapimenti.

Al Arabiya risulta la prima per ascolti in tutta l'area vicinorientale, anche se la sua modalità di fornire informazioni è costata l'ostilità da parte del governo ad interim iracheno nei primi periodi dell'esistenza del canale (ciò è testimoniato da un servizio della BBC del 23 novembre 2003).

Una reporter di Al Arabiya al lavoro

Incidenti[modifica | modifica sorgente]

  • Nel settembre 2004, l'inviato Mazen al-Tumeizi è stato ucciso durante un'azione militare statunitense in Iraq.
  • Il 22 febbraio 2006 l'inviato Atwar Bahjat è stato drogato ed ucciso da ribelli mentre girava un servizio sull'Iraq.
  • Il 22 gennaio 2007 la sede di Gaza City è saltata in aria dopo che, alcuni giorni prima, l'emittente aveva mandato in onda un servizio critico su Hamas; nessuno è rimasto ferito nell'incidente.
  • Il 26 luglio 2010 un attentato alla sede irachena del canale ha provocato la morte di 4 persone ed il ferimento di altre 16.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Articolo di direttanews.it

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Morigi-Boccalini Media e Oriente Mursia 2011


Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione