Al-Quwwat al-Jawwiyya al-Sudaniyya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Al-Quwwat al-Jawwiyya al-Sudaniyya
Aeronautica militare sudanese
Sudanese Air Force
Descrizione generale
Attiva 1956 – oggi
Nazione Sudan Sudan
Servizio aeronautica militare
Dimensione circa 3 000 effettivi
circa 200 velivoli (totali)
Parte di
Comandanti
Comandante attuale Abbas Yusuf Ahmed Al-Badri
Simboli
Coccarda Roundel of the Sudanese Air Force.svg
Bandiera Air Force ensign of Sudan.svg

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Al-Quwwat al-Jawwiyya al-Sudaniyya, (in arabo: القوﺍﺕ الجوية ﺍﻟﺴﻮﺩﺍﻧﻴـة) ed internazionalmente conosciuta con la dizione in lingua inglese Sudanese Air Force (SAF), è l'attuale aeronautica militare del Sudan e parte integrante delle forze armate sudanesi.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La forza aerea nazionale venne istituita appena dopo che il Sudan ottenne l'indipendenza dal Regno Unito nel 1956 e durante le prime fasi del suo sviluppo il governo britannico diede la sua disponibilità fornendo attrezzature e provvedendo alla formazione del personale ed equipaggi. Nel 1957 vennero acquisiti quattro nuovi addestratori a getto Hunting Provost T Mk 53. L'anno seguente, il reparto di trasporto tattico ricevette il suo primo velivolo, un singolo Hunting President, seguiti nel 1960 da altri quattro Provost ex RAF revisionati più altri due Hunting President e due Pembroke C Mk 54.

I primi velivoli dotati di capacità di combattimento vennero adottati dalla Al-Quwwat al-Jawwiyya al-Sudaniyya nel 1962 quando i propri reparti vennero equipaggiati con 12 BAC Jet Provost con capacità CAS.[1]

Nel 1964 vennero acquistati due Douglas C-47 Skytrain dagli Stati Uniti d'America e quattro Fokker F27M dai Paesi Bassi. Due di questi ultimi vennero poi ceduto alla compagnia aerea di bandiera Sudan Airways.

Nella seconda parte degli anni sessanta cominciarono ad essere forniti velivoli di produzione sovietica e cinese.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Abdelrahman in Silah Al Jaw Assudani - Sudan Air Force.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Video[modifica | modifica sorgente]