Al-Mu'tamid (Abbaside di Samarra)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Abū l-ʿAbbās Aḥmad ibn Ja'far, detto al-Muʿtamid ʿalā Allāh (in arabo: أبو العباس أحمد المعتمد على الله; Samarra, 844Samarra, 892), fu califfo della dinastia abbaside.

al-Muʿtamid bi-Allāh, fu califfo tra l'870 e l'892. Era figlio di al-Mutawakkil e di una schiava greca di Kufa, di nome Fityān.

Durante il regno del suo predecessore, al-Muhtadi, al-Mu'tamid fu tenuto in carcere a Samarra e fu rimesso in libertà solo dopo la deposizione di al-Muhtadi. Fu tuttavia una figura puramente simbolica, dal momento che al suo posto regnò di fatto suo fratello al-Muwaffaq, in veste di reggente, ben visto dai Turchi che gestivano di fatto l'esercito califfale e conseguentemente determinavano ogni vicenda politica ed economica.

L'incapacità di esprimere il suo nominale potere fu dimostrata quando, nell'882-3 egli cercò di abbandonare la capitale califfale di Samarra accettando l'invito di Ahmad ibn Tulun che gli aveva promesso, una volta raggiunto al-Qatāʿīʾ (la parte costruita dai Tulunidi della futura Cairo), di fargli governare da lì la Dār al-Islām.

Si diresse infatti alla volta di Raqqa ma gli uomini inviati subito dal fratello-Reggente e guidati da Saʿīd b. Makhlad impedirono il trasferimento, riportando il califfo nel suo palazzo, chiamato Jawsaq al-Khāqānī (il Palazzo di Khāqān), così chiamato in onore ad Abū l-Fath Khāqān b. ʿUrtūj, che possedeva i 175 ettari circa che circondavano la reggia califfale,[1] e al suo destino di puro e semplice simbolo di un potere che egli non esercitò mai, non potendo recuperarlo alla morte di al-Muwaffaq, dal momento che ogni potere fu assunto dal figlio del Reggente, il futuro califfo al-Muʿtaḍid, nipote di al-Muʿtamid.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Claudio Lo Jacono, Storia del mondo musulmano (VII-XVI secolo) I. Il Vicino oriente, Torino, Einaudi, 2003, p. 217.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]