al-Hariri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
"Discussione vicino al villaggio" una miniatura che illustra la 43ª maqāma di una edizione del 1237 dell'opera di al-Harīrī, dipinta da Yaḥyā Maḥmūd ibn al-Wāsiṭī. Conservata nella Bibliothèque nationale de France, Parigi

ʿAlī al-Harīrī (nome completo al-Ḥarīrī, Abū Muḥammad Aḥmad al-Qāsim b. ʿAlī b. Muḥammad b. ʿUthmān al-Ḥarīrī, in arabo: ﺍحمد القاسم بن علي بن محمد بن عثمان الحريري), conosciuto anche come al-Ḥarīrī al-Baṣrī (Bassora, 1054Bassora, 1122) è stato un letterato, scrittore e filologo arabo-iracheno.

Con la sua opera più famosa, le Maqāmāt, scritta tra il 1101 e il 1108, contribuì a diffondere la moda di un nuovo genere letterario.

La maqāma[1] infatti è un'opera di intrattenimento in prosa rimata, che consiste nella narrazione di aneddoti, che l'autore ammette essere opere di fantasia.

Il fondatore di questo genere letterario è al-Hamadhānī (ca. 968-1008), ma al-Ḥarīrī lo supererà ampiamente in qualità e fama.

Le sue Maqāmāt raccontano le avventure di Abū Zayd al-Sarūjī, astuto briccone che ritroviamo in ogni aneddoto (raccontato dal narratore fittizio al-Ḥārith ibn Ḥammām) sotto spoglie diverse, pronto a escogitare qualche nuovo imbroglio. Si tratta di storielle maliziose che ci danno un quadro del mondo arabo del tempo.

Originalmente un grammatico, al-Ḥarīrī studia attentamente ogni frase, con grande attenzione alle raffinatezze linguistiche e lessicali, e la sua prosa rimata raggiunge una perfezione tecnica unica. Grazie a questo la sua opera venne ben presto introdotta nei programmi scolastici.

La fama delle Maqāmāt fu immediata. L'opera venne tradotta in molte lingue, e vi furono parecchi tentativi di imitazione.

al-Ḥarīrī scrisse anche delle poesie, sempre con la stessa attenzione alla raffinatezza linguistica. Il suo diwan tuttavia non è giunto fino a noi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La maqama o maqāma (in in arabo: مقامة); al plurale: maqāmāt (in arabo: مقامات); letteralmente significa "assemblea", "consesso", "riunione".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 9907600 LCCN: n82164402