Al-Fashir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Al-Fashir
città
Al-Fashir – Veduta
Localizzazione
Stato Sudan Sudan
Stato (wilāya) Nord Darfur
Territorio
Coordinate 13°37′50″N 25°21′00″E / 13.630556°N 25.35°E13.630556; 25.35 (Al-Fashir)Coordinate: 13°37′50″N 25°21′00″E / 13.630556°N 25.35°E13.630556; 25.35 (Al-Fashir)
Abitanti 264 734 (2006)
Altre informazioni
Fuso orario UTC+3
Cartografia
Mappa di localizzazione: Sudan
Al-Fashir

Al-Fāshir (in arabo: الفاشر) è la capitale del Nord Darfur, Sudan, nel nord-ovest del paese, nella regione del Darfur, 195 km nord-est di Nyala.[1]

Storica stazione di sosta per le carovane, Al-Fāshir si trova ad un'altezza di 700 metri[1]. Città dotata di un mercato di frutta e verdura, coltivate nelle aree circostanti, al-Fāshir è connessa tramite una strada sia a Umm Kaddada, sia ad al-Junayana.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel tardo XVIII secolo, ʿAbd al-Rahmān al-Rāshed fondò la capitale del suo sultanato e il suo palazzo proprio in questa città. La città del Darfur si sviluppò tutta attorno al suo palazzo.[1].

La città fu visitata da Amelia Earhart mentre cercava di fare il suo giro attorno al globo terrestre.[2].

La popolazione di al-Fāshir nel 2001 era di 178.500 abitanti[1].

A causa della vicinanza coi campi-profughi della guerra di Abu Shuk[3] e di al-Salām[4], grazie agli aiuti delle Nazioni Unite conobbe un boom economico e demografico. I prezzi degli affitti e quelli della vendita al dettaglio aumentarono, insieme a quelli dell'acqua imbottigliata e delle pizzerie, per provvedere a fornire cibo e bevande ai lavoratori delle organizzazioni umanitarie occidentali. Il numero delle stazioni di servizio nelle quali potersi rifornire di benzina è triplicato per via dell'aumentata quantità di automobili in città. La disponibilità di posti di lavoro è aumentata visto che le Nazioni Unite offrirono posti di lavoro ai cittadini. L'economista Adam Ahmed proclamò che "... le persone di al-Fāshir stanno incominciando a pensare, come uomini d'affari..." per trarre il maggior profitto dalla loro situazione.[5]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d "Al-Fashir" (description), Encyclopædia Britannica, 2007, webpage:
  2. ^ Vizard, Frank (February 1997) "On Earhart's Wings" Popular Science 250(2): pp. 50-52, page 51
  3. ^ Mitchell, Andrea (2007) Talking Back...to Presidents, Dictators, and Assorted Scoundrels (2nd edition) Penguin Books, New York, page xli, ISBN 978-0-14-303873-3
  4. ^ "Northern Darfur: Abu Shouk and Al Salam IDP Camps" map, United Nations Office for the Coordination of Humanitarian Affairs (OCHA), Date Created: 1 February 2009, File: SU-DAR-CAMP-55_A1_01Feb09_North_Darfur_AbuShouk_Alsalam_Camps
  5. ^ Sanders, Edmund. A Darfur capital is a humanitarian boomtown, Los Angeles Times, 2008-04-30.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Africa Portale Africa: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Africa