Aitor Osa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aitor Osa
060405 aitorosa.jpg
Dati biografici
Nome Aitor Osa Eizaguirre
Nazionalità Spagna Spagna
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada
Ritirato 2006
Carriera
Squadre di club
1995-1996 Euskadi Euskadi
1997-2000 Banesto Banesto
2001-2003 iBanesto.com iBanesto.com
2004-2005 Illes Balears Illes Balears
2006 Liberty Seguros Liberty Seguros
 

Aitor Osa Eizaguirre (Zestoa, 9 settembre 1973) è un ex ciclista su strada spagnolo che ha corso da professionista dal 1994 al 2006.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Fratello maggiore di Unai Osa, debuttò fra i professionisti nel 1994, come stagista, nella Euskadi. Nel 1997 si trasferì alla Illes Balears, in precedenza nota come Banesto, con cui rimase fino al 2005.

Nel 2006, mentre correva per il Würth Team, rimase coinvolto nella famosa Operación Puerto, e dopo tale evento decise di ritirarsi dalle corse[1].

Il suo anno migliore è stato il 2002, durante il quale si aggiudicò la classifica finale della Vuelta al País Vasco e la classifica scalatori alla Vuelta a España 2002. Nel suo palmarès figurano altre vittorie in competizioni minori ed un secondo posto ad una Freccia Vallone.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

3ª tappa Grand Prix International Telecom
3ª tappa Vuelta al País Vasco
Classifica finale Vuelta al País Vasco
2ª tappa Vuelta a La Rioja
4ª tappa Giro del Portogallo

Altri successi[modifica | modifica sorgente]

4ª tappa Giro del Portogallo (crono-squadre)
Jersey green.svg Maglia verde di miglior scalatore della Vuelta a España 2002

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Grandi Giri[modifica | modifica sorgente]

1999: ritirato (13ª tappa)
1997: 46º
1998: 22º
1999: 15º
2000: 51º
2001: 9º
2002: 54º
2003: 25º
2005: ritirato (9ª tappa)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Operacion Puerto: l'inchiesta che ha sconvolto il ciclismo mondiale

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Aitor Osa in Sitodelciclismo.net, de Wielersite.