Airgialla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Airgíalla (anche Airgialla, Uriel, Orial, Orgialla, Orgiall, Oryallia, Ergallia, in moderno irlandese Oirialla) era il nome di una confederazione di tribù irlandesi e di un regno irlandese che si formò attorno al VII secolo. Gli Airgíalla erano un gruppo di dinastie non collegate, situate nell'odierno Ulster centro-meridionale, che diedero vita a una confederazione militare, apparentemente nel tardo VII secolo.

Origini leggendarie[modifica | modifica sorgente]

Agli inizi del IV secolo tre signori della guerra, i Tre Colla, figli di Eochy Doimhlein, figlio di Cairbre Lifeachar, leggendario re supremo d'Irlanda, della razza di Eremon, conquistarono gran parte dell'Ulster, che strapparono ai principi della razza di Ir, i Clanna Rory o Ruderician.

I Tre Colla nella grande battaglia di Achadh Leithdheirg, nel Fearmuighe (anche Fearnmhagh), in Dalaradia, nel 331, sonfissero le forze di Fergus Foga, re dell'Ulster, che fu ucciso. I vincitori distrussero Emain Macha o Emania (vicino all'odierna città di Armagh), il famoso palazzo dei re Ultoni, che era vecchio di sei secoli e che era stato celebrato a lungo dai bardi irlandesi. Il luogo della battaglia è anche conosciuto come Carn Achy-Leth-Derg, oggi nella diocesi di Aghaderg, nella baronia, nella contea di Down, dove esiste ancora un grande memoriale di pietre nei pressi di Loughbrickland. La sovranità dell'Ulster passò così dalla razza di Ir a quella di Eremon.

I nomi dei Tre Colla erano Colla Uais, Colla Meann e Colla da Chroich.. costoro divennero sovrani dell'Irlanda nel 327 e morirono nel 332. Il territorio conquistato dai Tre Colla comprendeva Louth, Monaghan e Armagh.

I nove regni di Airgíalla[modifica | modifica sorgente]

Il regno di Airgíalla era composto da nove sub-regni:

  • Ui Thuirtri
  • Ui Meic Cairthinn
  • Ui Fhiachrach Arda Sratha
  • Ui Moccu Uais (il più potente)
  • Ui Chremthainn
  • Ui Meith
  • Ind Airthir
  • Mugdorna
  • Ui Cruinn

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • The Kingship and Landscape of Tara, ed. Edel Bhreathnach, 2005; ISBN 1851829547

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]