Airsoft gun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Air Soft Gun)
Un'ASG della "Classic Army" M15A4 AEG

Una air soft gun (in acronimo ASG) è una replica, più o meno fedele, di un'arma da fuoco da guerra. In genere le ASG proiettano pallini sferici mediante la spinta impressa dalla compressione di un gas (aria, propano, anidride carbonica).

Le armi ad aria compressa (con energia inferiore al joule) sono generalmente utilizzate nella pratica del Softair, un'attività ludico ricreativa denominata anche "disciplina del tiro tattico sportivo".

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Le ASG sono state inventate in Giappone negli anni ottanta del XX secolo per il mercato dei collezionisti di armi, in quanto in questo Paese la detenzione di armi da fuoco è vietata dalla fine della seconda guerra mondiale.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Questi strumenti si basano sulla pressione dell'aria usata come propellente per i pallini. L'aria compressa può essere generata in vari modi e i pallini vengono introdotti tramite un caricatore analogo alle pistole vere.

I proiettili di queste armi sono dei pallini, nella maggior parte della dimensione di 6 mm di diametro, ma anche di 8 mm, anche se meno frequentemente. Possono essere composti:

  • da materiali plastici (generalmente sono pallini colorati analoghi a quelli che si vedono regolarmente in bancarelle o fiere);
  • da materiali inerti o biocompatibili;
  • da materiali biodegradabili.

Il peso delle tre tipologie di pallini varia tra 0,12 g (in particolare quelli della prima tipologia) e 0,20-0,30 g; più rari i pallini a grammatura superiore. In base al peso, varia anche la precisione e la distanza di tiro (più è pesante, più è preciso, ma diminuisce la portata. E viceversa).

La compressione del gas necessario per proiettare il pallino può derivare dall'azione meccanica, manuale o motorizzata, di un cilindro a molla. Essa può essere garantita anche da da serbatoi di gas precompressi. Nel caso di A.S.G. motorizzate, si può parlare anche di Air Electric Gun (A.E.G.).

Tali repliche, a causa del loro aspetto ingannevole e della facilità di acquisto e di porto, sono spesso utilizzate in episodi crimonosi, per compiere rapine[1] ed intimidazioni, come talvolta riportato nelle cronache italiane.[2] Infatti, poiché esse sono in grado di generare una moderata potenza Il loro utilizzo improprio può recare gravi danni fisici alla persona, e può avere, inoltre, risvolti molto onerosi di natura civile e penale, oltre al caso in cui tali armi vengano usate per offendere, o simulare armi da fuoco, nel compimento di atti criminali. Oltre ai risvolti penali, l'uso libero[3] e ludico[4] delle repliche di armi, può provocare, anche indirettamente, incidenti di diversa gravità, finanche mortali.[5][6]

Hop-Up[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Hop-Up.

Nella stragrande maggioranza delle asg è presente un particolare meccanismo all'interno della canna, precisamente a pochi millimetri dopo l'inizio della canna interna, che, attraverso un gommino sporgente, imprime al pallino in uscita un movimento rotatorio. Secondo Questo fa sì che, per effetto giroscopico, la sua traiettoria diventi molto più stabile e la portata aumenti sensibilmente.

Questo accorgimento meccanico può essere considerato un regolatore della traiettoria, più il gommino sporgente aderisce al pallino, più il pallino ruota velocemente e la traiettoria si alza per effetto Magnus.

Tipologie[modifica | modifica sorgente]

Armi a Molla[modifica | modifica sorgente]

Una pistola a molla

Le armi a molla sono le più economiche presenti nel mercato. Agendo sul carrello nel caso di pistole, o sulla leva di armamento nel caso di fucili, viene compressa una molla che è collegata a un piccolo pistone. La molla viene rilasciata al momento dello sparo, consentendo al pistone (generalmente in plastica) di creare una pressione nel cilindro che "soffia" via il pallino lungo la canna. La maggior parte delle armi a molla sono pistole o fucili da cecchino, in cui il caricamento a molla somiglia a quello di alcuni fucili veri; nella maggior parte dei casi, i fucili da cecchino hanno una portata di circa 40-50 metri e un'elevata precisione.

AEG[modifica | modifica sorgente]

Animazione di un gearbox di un fucile da Soft Air elettrico

Le AEG sono armi a molla in cui un motore elettrico le fornisce la carica assorbita tramite l'impiego di un accumulatore elettrico, generalmente collocato all'interno del fucile stesso. Questo attiva il pistone (il motore viene azionato tramite una pressione sul grilletto) e consente di ripetere il processo molto più velocemente e di avere armi automatiche, semi-automatiche e/o in modalità "3 colpi" (tre colpi sparati in rapida successione).

Armi a gas precompressi[modifica | modifica sorgente]

Queste armi, non più a molla, funzionano tramite un serbatoio di gas precompressi, che, una volta premuto il grilletto, fuoriescono a gran velocità dal serbatoio per la differenza di pressione e "soffiano via" il pallino (detto anche BB); anche qui il processo è replicabile e quindi possono esistere armi "auto", "semi-auto" e/o a "3 colpi" anche in questa categoria.

Repliche in plastica trasparente[modifica | modifica sorgente]

Esistono in commercio repliche di armi per softair costruite in plastica trasparente, spesso concepito per il mercato canadese: l'accorgimento serve per evitare pericolosi equivoci e incidenti.

Disciplina normativa nel mondo[modifica | modifica sorgente]

Nell'Unione Europea le A.E.G. non sono soggette a marchiatura CE per "apparati elettrici di limitato voltaggio" in quanto esplicitamente escluse perché operanti in corrente continua e tensione nominale inferiore ai 75 V.

In Italia e negli altri stati dell'Unione Europea le riproduzioni di armi da fuoco reali nonché fucili e pistole a gas compresso, non possono essere considerati giocattoli ai sensi della Direttiva 2009/48/CE del 18 giugno 2009. Alcuni comuni in Italia hanno vietato lo svolgimento di partite sul loro territorio.[7][8]

Generalmente è inoltre previsto un limite alla potenza delle riproduzioni in commercio, fissato in un massimo di 0,5 Joule (Full automatic) e 7,5 Joule (Semi automatic), mentre in Giappone sono ammessi fino a 0,98 Joule.[senza fonte]

Esistono in commercio delle repliche A.S.G. costruite in plastica semitrasparente, per evitare pericolosi equivoci ed incidenti, obbligatorie in paesi come il Canada[senza fonte].

Italia[modifica | modifica sorgente]

Le armi softair, ai sensi della legge 18 aprile 1975 n. 110, sono classificate come strumenti e come tali non rientrano nella classificazione di "armi" e nemmeno di "oggetti atti ad offendere".[9] Secondo il parere della "Commissione Consultiva per il Controllo delle armi" del Ministero dell'Interno, si considerano non idonee ad arrecare offesa alla persona le "armi softair" che non superano 1 Joule di energia all'uscita della canna. Se si supera questo limite le ASG si devono considerare "oggetti atti ad offendere" con tutte le relative conseguenze giuridiche.

Normativamente, le A.S.G. che imprimono una energia al pallino non superiore ad 0,99 joule sono da considerarsi oggetti qualsiasi, esclusi dal novero delle armi o degli strumenti.[10] Le A.S.G. non sono soggette a marchiatura CE per "giocattoli per bambini" in quanto esplicitamente escluse perché riproducenti armi da fuoco.

A seconda della loro potenza, le ASG rientrano in diverse categorie:

  • <0,5 J - secondo il d.lgs. 27 settembre 1991 n. 313, sono liberamente commerciabili come giocattoli per bambini;
  • <1 J - secondo la legge 110/1975, liberamente commerciabili a maggiori di 16 anni e utilizzabili da maggiori di 14.
  • <7,5 J - "armi con modesta capacità offensiva", secondo il decreto 9 agosto 2001, n.362, è consentito esclusivamente a maggiorenni o minori assistiti da maggiorenni, fatta salva la deroga per il tiro a segno nazionale, su oggetti inanimati e quindi utilizzabili in poligoni o luoghi privati non aperti al pubblico.

I proiettili delle armi di limitata capacità offensiva, secondo il regolamento ministeriale adottato dal Ministero dell'Interno con il decreto n. 362 del 2001[11], non possono superare i 0,99 Joule di energia alla volata, un limite tale da non recare offesa, per quanto sofisticate le caratteristiche balistiche. Le armi superiori a questo limite con un massimo di 7.5 Joule, sono esclusivamente destinate al tiro a segno e non possono essere adoperate nel Softair.

Questo tipo di strumenti deve riportare il segnale rosso di sicurezza sulla volata. Il segnale – soprattutto per questioni di mimetismo dato che il rosso spicca vistosamente sui colori della vegetazione – può essere sostituito o colorato, purché si utilizzi l'arma esclusivamente nei contesti di gioco e non la si mantenga in vista durante il trasporto. L'eliminazione o la cancellazione in qualunque forma del tappo rosso non costituisce di per sé un illecito, ma costituisce un'aggravante se il giocattolo viene usato per commettere azioni criminali.[12]

Il d.lgs. 26 ottobre 2010 n. 204 "(Recepimento direttiva 2008/51/CE, relativa al controllo dell'acquisizione e della detenzione di armi e modifiche alla leggi sulle armi")[13] ha previsto nuove regole per le armi dedicate a tale attività.

In particolare il decreto, in vigore dal 1º luglio 2011 prevede che:

  • Tutte le riproduzioni giocattolo delle armi dovranno avere obbligatoriamente i primi 3cm della canna esterna colorate in colore rosso.
  • le riproduzioni non potranno essere vendute/acquistate da soggetti minori di 14 anni.
  • le riproduzioni potranno sparare soltanto pallini dal colore “vivo”, quindi i BB di colore bianco potranno essere utilizzati. Sono proibiti i BB neri, verdi, marroni.
  • Ogni giocatore di softair ha l’obbligo del “porto giustificato” durante il trasporto dello “strumento”, per cui senza un buon motivo non sarà possibile portare all’esterno della propria abitazione alcuna riproduzione per il soft-air (dato il cambio di classificazione da "giocattoli" a "strumenti").

Questa norma non specifica e demanda tutto ad un futuro regolamento da emanare, se sia onere del singolo proprietario o dell’importatore/venditore procurarsi detta certificazione; ad oggi non viene nemmeno specificato se la norma abbia o meno carattere retroattivo e sia quindi applicabile solo alle repliche acquistate successivamente oppure anche a quelle acquistate precedentemente.

Da un punto di vista normativo le armi giocattolo che imprimono un'energia al pallino non superiore a 1 J (Joule) sono da considerarsi oggetti qualsiasi, esclusi dal novero delle armi (e dai relativi ordinamenti).

Durante il trasporto delle A.S.G. è comunque utile osservare alcune regole atte a prevenire la possibilità che le stesse siano erroneamente scambiate per vere armi da fuoco:

  • trasportare l'A.S.G. con l'apposito tappo rosso;
  • trasportare l'A.S.G. nella confezione originale o in apposito contenitore.

È inoltre buona norma, per il trasporto:

  • scollegare i serbatoi (detti "caricatori") di pallini;
  • scollegare, ove presente, la batteria di alimentazione del motore;
  • scollegare, ove presente, il serbatoio dei gas compressi;
  • rilasciare, ove presente e possibile, la molla in posizione di riposo.

Le A.S.G. non sono giocattoli e non sono soggette alla marcatura CE richiesta per "giocattoli per bambini" in quanto esplicitamente escluse perché riproducenti armi da fuoco, né come "apparati elettrici di limitato voltaggio" in quanto esplicitamente escluse perché operanti in corrente continua e tensione nominale inferiore ai 75 V.

Proprio per questo, un punto a sfavore delle A.S.G., per quel che riguarda la pratica del Soft Air, è proprio la gittata, che risulta essere molto ridotta (20–30 m). Per ovviare a questa limitazione, alcune ASG sono dotate del già citato apparecchio (Hop-Up), grazie al quale si riesce a incrementare la gittata del proiettile.

Svizzera[modifica | modifica sorgente]

Le imitazioni di armi soft air sono contemplate dalla legge sulle armi quando per il loro aspetto possono essere scambiate per armi vere.[14]

L'ordinanza sulle armi del 2008[15] statuisce che sono confondibili tutti gli oggetti che a prima vista, risultano simili ad armi da fuoco vere oppure, in altre parole, quelli che i non addetti ai lavori non riconoscano subito come oggetti aventi funzionalità diverse dalle vere armi da fuoco.[16]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Colle Prenestino: tenta rapina con pistola giocattolo. Pregiudicato arrestato - ROMA OGGI NOTIZIE
  2. ^ Caprara: tifoso minaccia i presenti con una pistola e si nasconde nel frigo
  3. ^ Si apposta col fucile in piazza: era un giocattolo | Il Sito di Prato
  4. ^ Spara con un'arma giocattolo La polizia ferma Balotelli - Risultati e ultime notizie calcio e calciomercato - La Gazzetta dello Sport
  5. ^ Punta arma giocattolo, forse uno scherzo i carabinieri sparano e uccidono ragazzo - Bari - Repubblica.it
  6. ^ Giocavano con le armi, muore un ragazzo di 23 di Stornarella - Il Mattino di Foggia e Provincia
  7. ^ Stop ai giochi di guerra sul Carso - Cronaca - Il Piccolo
  8. ^ Stop ai Rambo della domenica- LASTAMPA.it
  9. ^ Come modificata dalla 21 dicembre 1999 n. 526
  10. ^ Sintesi del diritto delle Armi.
  11. ^ DM n. 362 del 2001
  12. ^ Sentenza della Suprema Corte di Cassazione sez. I, 11 ottobre 1991, n. 10213 sulla legge 21 febbraio 1999 n. 36: "la semplice detenzione di arma giocattolo priva del prescritto tappo rosso non è prevista come reato")
  13. ^ Pubblicato nella Gazzatta Ufficiale della Repubblica ITaliana]] 10 dicembre 2010 n. 288
  14. ^ Art. 4 cpv. 1 lett. g della legge federale sulle armi 20 giugno 1997 n. 1 (LArm)
  15. ^ Art. 6 ordinanza sulle armi (OArm) del 2 luglio 2008
  16. ^ (PDF)Promemoria sul commercio di imitazioni di armi, scacciacani e armi soft air del Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP della Confederazione svizzera

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]