AirAsia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
AirAsia
AirAsia Logo.svg
AirAsia A320-200(9M-AFK) (4337485798).jpg
Compagnia aerea a basso costo
Codice IATA AK
Codice ICAO AXM
Identificativo di chiamata ASIAN EXPRESS
Inizio operazioni di volo 18 novembre 1996
Descrizione
Hub Kuala Lumpur
Hub secondari
Programma frequent flyer BIG
Flotta 120 (+355 ordini)
Destinazioni 88
Controllate
Azienda
Tipo azienda Società per azioni
Fondazione 1993 a Kuala Lumpur
Stato Malesia Malesia
Sede Sepang
Persone chiave
Slogan Now Everyone Can Fly
Sito web www.airasia.com
Bilancio economico
Borse valori Bursa Malaysia: 5009
Fatturato Green Arrow Up.svg US$ 1,62 miliardi  (2012)
Risultato d'esercizio Green Arrow Up.svg US$ 0,61 miliardi  (2013)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

AirAsia è una compagnia aerea low cost con base a Kuala Lumpur, in Malesia, che opera in Asia ed in Australia. È stata una delle prime low cost a operare in Asia e la prima compagnia aerea ad utilizzare la strategia del viaggio senza biglietto e della non assegnazione dei posti.

Un Airbus A320 dell'AirAsia.

L'hub principale si trova nel terminal delle compagnie low cost (Low-Cost Carrier Terminal, LCCT) all'Aeroporto Internazionale di Kuala Lumpur (KLIA). Gli hub delle consociate Thai AirAsia, Indonesia AirAsia, AirAsia Philippines ed AirAsia Japan si trovano rispettivamente negli aeroporti di Bangkok Suvarnabhumi, Giakarta Soekarno-Hatta, Città del Angeles Clark e Tokyo Narita. La sede legale è a Petaling Jaya, città satellite di Kuala Lumpur e l'ufficio principale è all'Aeroporto Internazionale di Kuala Lumpur.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La compagnia è stata fondata nel 1993 dall'azienda governativa malese DRB-HICOM e ha cominciato ad operare il 18 novembre 1996. Pesantemente gravata da debiti, AirAsia viene venduta nel 2001 per la cifra simbolica di 1 ringgit alla Tune Air Sdn Bhd di un ex manager della Time Warner, l'imprenditore malese Tony Fernandes, che si accolla i debiti della Società. Con la politica di abbattimento dei prezzi, Fernandes riesce a raggiungere un attivo di bilancio già nel 2002.

Nel 2003, AirAsia apre in Malesia il suo secondo hub all'Aeroporto di Senai presso Johor Bahru vicino a Singapore e inaugura il suo primo volo internazionale verso Bangkok. Nello stesso periodo viene fondata la Thai AirAsia e sono inaugurate nuove rotte verso Singapore e l'Indonesia. Il primo volo per Macao è del giugno del 2004 e nell'aprile del 2005 vengono inaugurate le rotte verso la Cina continentale, a Xiamen, e nelle Filippine a Città del Angeles, presso Manila. Nello stesso anno cominciano i voli verso il Vietnam e la Cambogia e nel 2006 quelli per il Brunei e Myanmar, i voli per quest'ultima destinazione operati da Thai AirAsia.

Negli anni successivi continua l'espansione del vettore, che copre nuove destinazioni in Vietnam, Indonesia e Cina meridionale (Kunming, Xiamen, Shenzhen ecc.) ed inaugura nuove rotte in molti altri Paesi, tra cui l'India, l'Australia e il Giappone. AirAsia è attualmente il principale cliente dell'Airbus A320: la compagnia ha infatti ordinativi per 175 aerei di questo tipo per servire le sue rotte e almeno 50 di essi saranno operativi nel 2013.

Nel marzo del 2013 l'amministratore delegato di AirAsia, Marianne Hontiveros, comunica ulteriori sviluppi dell'attività nelle Filippine con l'acquisto del 49% delle azioni della Zest Airways[1]

A maggio 2014 AirAsia collabora con Taylor Swift per sponsorizzare il suo Red Tour nel continente.

Destinazioni[modifica | modifica wikitesto]

AirAsia opera oltre 200 voli al giorno che, a tutto il 12 agosto del 2012, collegavano 83 scali domestici ed internazionali nei seguenti paesi: Malesia, Thailandia, Indonesia, Singapore, Brunei, Myanmar, Cina, Vietnam, Laos, Cambogia, Australia, Corea del Sud, India, Iran, Giappone, Nepal, Sri Lanka, Taiwan e Filippine.[2]

Per un periodo relativamente breve, Airasia ha offerto anche voli che collegavano Kuala Lumpur a Londra e Parigi. Tali destinazioni sono state sospese nel 2012 a causa delle alte tasse governative europee, che rendevano i prezzi dei voli non più competitivi.[3]

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

La flotta totale della AirAsia (include Thai AirAsia, AirAsia X e Indonesia AirAsia) comprende i seguenti aeromobili (aggiornati a marzo 2011):

Flotta AirAsia (incluse Thai AirAsia, AirAsia X e Indonesia AirAsia)
Aereo Numero Ordinati Passenggeri
(XL/Economy)
Note
Airbus A320-200 90 85 (+50 opzioni) 180 (-/180) 54 con AirAsia, 16 con Indonesia AirAsia, 20 con Thai AirAsia
Airbus A320-200neo 200 ND (ND/ND)
Boeing 737-300 4 0 148 (-/148) 4 con Indonesia AirAsia, saranno rimossi dalla flotta
Airbus A330-200 3 288 (24/264) Saranno operati da Air Asia X, entreranno in servizio nel 2014
Airbus A330-300 9 16 377 (12/365) Operati da Air Asia X, 1 in leasing da AWAS
Airbus A340-300 2 327 (18/309) Operati da AirAsia X in leasing da Orix AViation (Rotta Londra-Kuala Lumpur)
Airbus A350-900 10 (+ 5 opzioni) 425 (ND/ND) Saranno operati da AirAsia X, entreranno in servizio nel 2016

La flotta totale della sola AirAsia (escludendo Thai AirAsia, AirAsia X e Indonesia AirAsia) consiste nei seguenti aeromobili:

Flotta della AirAsia (escluse Thai AirAsia, AirAsia X e Indonesia AirAsia)
Aereo Numero Passengeri
(XL/Economy)
Note
Airbus A320-200 54 180 (-/180)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN)AirAsia expands in Philippines, buys into Zest Air da Bloomberg Businessweek
  2. ^ (EN) Flight schedules, su airasia.com
  3. ^ (EN) AirAsia X suspends European and Indian services, su flightglobal.com

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]