Aiko

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Sua altezza imperiale la principessa Toshi, Aiko (敬宮愛子内親王 Toshi-no-miya Aiko Naishinnō?) (Tokyo, 1º dicembre 2001) è la figlia del Principe della corona Naruhito e della Principessa della corona Masako.

Il titolo imperiale è Principessa Toshi (敬宮愛子内親王 Toshi-no-miya Aiko Naishinnō?) e il suo nome personale è Aiko. Il nome viene scritto con gli ideogrammi Kanji delle parole "amore" e "figlio" e significa "figlia dell'amore". Il titolo imperiale decadrà se Aiko sposerà un uomo comune.

A differenza della tradizione, che impone la scelta da parte dell'imperatore, il nome è stato scelto dai genitori. Essi si sono ispirati agli insegnamenti del filosofo cinese Meng-tzu[1], in particolare alla frase

« una persona che rispetta gli altri sarà rispettata dagli altri e una persona che ama gli altri sarà amata dagli altri »
(Meng-tzu.)

Nel 2005 la principessa ha iniziato la sua formazione al prestigioso istituto Gakushuin a Tokyo. Dall'aprile 2008, sempre al Gakushuin, ha frequentato le scuole elementari. Durante tale periodo, quando aveva 8 anni, ha passato quasi un'intera settimana lontana dalle lezioni a causa di probabili atti di bullismo nei suoi confronti e solo alla fine di aprile 2010 Aiko ha ripreso a seguire alcune lezioni, accompagnata dalla madre, evitando tuttavia l’impegno scolastico a tempo pieno ma seguendo ogni giorno solo le prime tre ore. La principessa Masako l'ha accompagnata ogni giorno venendo poi a prenderla, e in più Aiko è stata seguita a lezione da uno staff speciale di corte. In questo periodo un giovane disouccupato è stato arrestato per aver volutamente scritto su un blog il suo proposito di uccidere la principessa, nonostante l'assoluta intenzione di non attuarlo.[2][3]

Trono[modifica | modifica sorgente]

Dibattito[modifica | modifica sorgente]

La nascita della principessa Aiko sollevò un ampio dibattito in Giappone sulla legge relativa alla successione imperiale. Infatti in base a quella legge, solo i maschi possono diventare imperatori. Un gruppo di esperti, formato dal governo, scrisse un documento il 25 ottobre 2005 dove veniva raccomandato l'emendamento della legge per permettere anche alle donne di accedere al trono del crisantemo.

Cugino[modifica | modifica sorgente]

I piani di modifica della legge riguardante la successione imperiale vennero bloccati dopo l'annuncio che il fratello più giovane del principe della corona, il Principe Akishino e sua moglie, la Principessa Akishino (gli zii di Aiko) erano in attesa del loro terzo figlio. Il 6 settembre 2006 la Principessa Akishino diede alla luce un maschio, il Principe Hisahito, che è quindi diventato il terzo in linea di successione al trono, secondo l'attuale legge, dopo suo zio (il principe della corona) e suo padre (il principe Akishino).

Albero genealogico[modifica | modifica sorgente]

Principessa Aiko Toshi Padre:
Principe ereditario Naruhito
Nonno paterno:
Akihito del Giappone
Bisnonno paterno:
Hirohito
Trisavolo paterno:
Taisho
Trisavola paterna:
Imperatrice Teimei
Bisnonna paterna:
Imperatrice Kōjun
Trisavolo paterno:
Principe Kuniyoshi Kuni
Trisavola paterna:
Principessa Chikako Shimazu
Nonna paterna:
Michiko Shōda
Bisnonno paterno:
Hidesaburō Shōda
Trisavolo paterno:
Teiichirō Shōda
Trisavola paterna:
Kinu Shōda
Bisnonna paterna:
Fumiko Soejima
Trisavolo paterno:
Tsunatake Soejima
Trisavola paterna:
Aya
Madre:
Masako Owada
Nonno materno:
Hisashi Owada
Bisnonno materno:
Takeo Owada
Trisavolo materno:
Kaneyoshi Owada
Trisavola materna:
Takeno Koga
Bisnonna materna:
Shizuka Tamura
Trisavolo materno:
Matashirō Tamura
Trisavola materna:
 ?
Nonna materna:
Yumiko Egashira
Bisnonno materno:
Yutaka Egashira
Trisavolo materno:
Yasutarō Egashira
Trisavola materna:
Yoneko
Bisnonna materna:
Suzuko Yamaya
Trisavolo materno:
Tanin Yamaya
Trisavola materna:
Sadako Niwa

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.kunaicho.go.jp/press-crown/prince2002.html
  2. ^ Giappone: principessina Aiko vittima di bullismo a scuola
  3. ^ Giappone: dopo i bulli, minacce di morte per la principessina Aiko