Aiguille des Grands Charmoz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aiguille des Grands Charmoz
Aiguille des Grands Charmoz.JPG
La montagna vista da Chamonix
Stato Francia Francia
Regione Rodano-Alpi Rodano-Alpi
Dipartimento Alta Savoia
Altezza 3.445 m s.l.m.
Catena Alpi
Coordinate 45°54′16″N 6°55′08″E / 45.904444°N 6.918889°E45.904444; 6.918889Coordinate: 45°54′16″N 6°55′08″E / 45.904444°N 6.918889°E45.904444; 6.918889
Data prima ascensione 9 agosto 1885
Autore/i prima ascensione Henri Dunod e P. Vignon con le guide J. Desailloux, F. Folliguet, F. e G. Simond
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Francia
Aiguille des Grands Charmoz
Mappa di localizzazione: Alpi
Dati SOIUSA
Grande Parte Alpi Occidentali
Grande Settore Alpi Nord-occidentali
Sezione Alpi Graie
Sottosezione Alpi del Monte Bianco
Supergruppo Massiccio del Monte Bianco
Gruppo Catena delle Aiguilles de Chamonix
Sottogruppo Gruppo Charmoz-Grépon
Codice I/B-7.V-B.3.d

L'Aiguille des Grands Charmoz (3.444 m s.l.m.) è una montagna della Catena delle Aiguilles de Chamonix nel Massiccio del Monte Bianco.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Si trova ad ovest della Mer de Glace tra l'Aiguille de la Republique (a nord-est) e l'Aiguille du Grépon (a sud).

La prima ascensione fu compiuta il 9 agosto 1885 da Henri Dunod e P. Vignon con le guide J. Desailloux, F. Folliguet, F. e G. Simond per il canale Charmoz-Grépon.[1] La prima ascensione della cima nord (3.435 m) era stata effettuata cinque anni prima, il 15 luglio 1880, da Albert Frederick Mummery con le guide Alexander Burgener e Benedikt Venetz, per il versante sud-ovest e la cresta nord-ovest.[2]

La traversata Charmoz-Grépon è considerata una classica,[3] anche facente parte del libro "Il massiccio del Monte Bianco - Le 100 più belle ascensioni, " di Gaston Rébuffat.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Labande, op. cit., p. 224
  2. ^ Labande, op. cit., p. 225
  3. ^ (EN) Grépon: Charmoz-Grépon traverse, camptocamp.org, 6 maggio 2013. URL consultato il 15 settembre 2013.
  4. ^ Rébuffat, op. cit., pp. 90-91

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]