Ahmed Zaki Yamani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Ahmed Zaki Yamani (in arabo: أحمد زكي يماني;; La Mecca, 30 giugno 1930) è un politico saudita, Ministro del Petrolio e delle risorse minerarie dal 1962 al 1986, poi all'OPEC per 25 anni.

Ahmed Zaki Yamani e Ali Akbar Abdolrashidi, 2004

Laureato all'Università del Cairo Re Fouad I nel 1951, dopo aver studiato legge alla New York University e ad Harvard, con un dottorato all'università di Exeter, divenne consulente del governo saudita nel '58 e Ministro del petrolio nel 1962. Divenne noto anche in Occidente per il ruolo assunto durante l'embargo del 1973, quando spinse l'OPEC a quadruplicare il prezzo del greggio.

Nel dicembre del '75 venne catturato a Vienna, insieme ad altri ministri dell'OPEC, dal celebre terrorista Carlos lo Sciacallo. Nonostante l'ordine di uccidere Yamani, Carlos lo liberò dopo due giorni di fuga in aereo per il Medio Oriente.

Nel 1986 Re Fahd rimosse Yamani e Abdulhady Hassan Taher, fondatore della Petromin oils (oggi Aramco).

Nel 1990 ha fondato il Centro studi per l'energia globale, gruppo di analisi del mercato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 71427994 LCCN: n83209150