Agrius convolvuli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sfinge del convolvolo
Agrius convolvuli MHNT.jpg
Agrius convolvuli
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
(clade) Ecdysozoa
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Panorpoidea
(clade) Amphiesmenoptera
Ordine Lepidoptera
Sottordine Glossata
Infraordine Heteroneura
Divisione Ditrysia
(clade) Apoditrysia
(clade) Obtectomera
(clade) Macroheterocera
Superfamiglia Bombycoidea
Famiglia Sphingidae
Sottofamiglia Sphinginae
Tribù Acherontiini
Genere Agrius
Specie A. convolvuli
Nomenclatura binomiale
Agrius convolvuli
(Linnaeus, 1758)

La sfinge del convolvolo (Agrius convolvuli (Linnaeus, 1758)) è un lepidottero notturno appartenente alla famiglia Sphingidae.

Deve il suo nome al fatto che i bruchi si sviluppano sulle piante di convolvolo.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Adulto[modifica | modifica sorgente]

Sfingide di cospicue dimensioni, ha un'apertura alare di 8–12 cm e una spirotromba lunga fino a 10 cm. Le ali e il torace hanno una colorazione bruno-grigiastra, con decorazioni a fasce; l'addome mostra una pigmentazione con bande nere e macchie rosa. A riposo può essere scambiata per un pezzo di legno in quanto le ali nascondono l'addome colorato.

Pupa[modifica | modifica sorgente]

Le pupe possono raggiungere i 6 cm di lunghezza ed hanno l'astuccio della spirotromba a forma di manico d'ombrello.

Larva[modifica | modifica sorgente]

Larva di Agrius convolvuli


Biologia[modifica | modifica sorgente]

Compare tra maggio e luglio. Gli adulti sfarfallano in autunno e poi sembra che migrino verso sud. Specie migratrice che raggiunge regolarmente il Nord Europa. Si nutre librandosi in volo; per le sue dimensioni si individua facilmente all'imbrunire.

Ecologia[modifica | modifica sorgente]

Nelle aree tropicali il bruco è risultato dannoso alla batata[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tremblay, op. cit., p. ?

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ermenegildo Tremblay. Entomologia applicata. Volume secondo, Parte seconda. 1. Napoli, Liguori Editore, 1986. p. 362 ISBN 88-207-1405-1

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]