Agostino Puppo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Agostino Puppo
Agostino Puppo.jpg
Agostino Puppo nel 1973
Dati biografici
Paese Italia Italia
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Mediano di mischia
Ritirato 1980
Carriera
Attività di club¹
19??-75 CUS Genova CUS Genova
1975-80 Torino Torino
Attività da giocatore internazionale
1972-77 Italia Italia 20 (4)

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega

Statistiche aggiornate al 2 dicembre 2013

Agostino Puppo (Genova, 18 febbraio 194816 febbraio 2010) fu un rugbista a 15 italiano, a lungo mediano di mischia e utility back del CUS Genova.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nativo della frazione di Pegli, in cui iniziò a praticare il rugby[1], passò poi al CUS Genova[1], club del quale caratterizzò l'epoca migliore: tra il 1971 e il 1973, infatti, il club giunse tre volte consecutivamente alla piazza d'onore del campionato, venendo sempre sconfitto dal Petrarca[1].

Formò, insieme ad altri compagni di squadra, Bollesan su tutti, l'asse portante della Nazionale italiana che affrontò il primo importante tour della sua storia, quello in Africa Australe del 1973: esordiente in azzurro nel febbraio 1972 a Padova contro il Portogallo in Coppa FIRA, un anno più tardi fu tra i convocati nella spedizione che vide l'Italia vincere contro i South African Leopards e perdere di stretta misura altri incontri[2] («Uno dei miei banditi», fu il commento di Bollesan alla morte di Puppo[3]).

Furono 20, in totale, gli incontri di Puppo in Nazionale; quando il CUS Genova iniziò a declinare, e altri giocatori migrarono altrove, Puppo rimase nel club per non trasferirsi dalla sua città natale[3], e lo seguì in serie B, salvo poi trasferirsi nel neopromosso Rugby Torino nel 1975[4] insieme ad altri suoi compagni di squadra. Divenuto capitano di tale nuova formazione, la lasciò nel 1980[5] per ritirarsi dall'attività.

Pubblicamente premiato nel 2008 allo Stadio Flaminio dal presidente federale Giancarlo Dondi per il trentacinquesimo anniversario del tour africano del 1973 insieme ai suoi compagni di Nazionale[2], Puppo è deceduto il 16 febbraio 2010, due giorni prima di compiere 62 anni, a causa di un tumore[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d È morto il rugbista Agostino Puppo in la Repubblica - Genova, 16 febbraio 2010. URL consultato il 2 dicembre 2013.
  2. ^ a b Dondi saluta gli azzurri del ’73 in Solorugby.com, 13 marzo 2008. URL consultato il 21 agosto 2008.
  3. ^ a b Giorgio Cimbrico, Se n'è andato Puppo, il Best della palla ovale (PDF) in Il Secolo XIX, 17 febbraio 2010. URL consultato il 3 giugno 2010.
  4. ^ Giorgio Barberis, Rinforzi per il rugby torinese: via Bacigalupo, dentro Ambrosetti in La Stampa, 7 giugno 1975, p. 15. URL consultato il 1º dicembre 2013.
  5. ^ Ambrosetti Rugby subito al lavoro in Stampa Sera, 1º settembre 1980, p. 12. URL consultato il 2 dicembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]