Agostino Lanzillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Agostino Lanzillo
Stemma del Regno d'Italia Parlamento del Regno d'Italia
Camera del Regno d'Italia
Luogo nascita Reggio Calabria
Data nascita 31 ottobre 1886
Luogo morte Milano
Data morte 3 marzo 1952
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Professione Docente universitario, avvocato, pubblicista/giornalista
Partito PNF
Legislatura XXVII
Pagina istituzionale

Agostino Lanzillo (Reggio Calabria, 31 ottobre 1886Milano, 3 marzo 1952) è stato un leader sindacalista rivoluzionario italiano, divenuto poi membro del movimento fascista di Benito Mussolini.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Laureatosi in diritto con una tesi su Proudhon e seguace di Georges Sorel sul quale pubblicò la prima biografia intellettuale, collaborò con "Il Divenire sociale" di Enrico Leone e più tardi con Benito Mussolini per il giornale "Il Popolo d'Italia". Lanzillo fu eletto deputato nel 1924 al Parlamento nel listone fascista per il Partito Nazionale Fascista (PNF) [1] fino al 1929, e fu membro della Commissione dei Quindici (poi allargata a 18), incaricata della riforma delle Istituzioni statali: nella sua visione, le corporazioni avrebbero dovuto assumere la direzione della produzione e della distribuzione economica, secondo il principio dell'autogoverno delle categorie sociali.

La mancata realizzazione di questo progetto allontanò progressivamente il Lanzillo dal fascismo: nel 1934 passò all'Istituto superiore di economia e commercio di Venezia e collaborò alla rivista «Critica fascista», dove si raccoglieva la fronda del regime. Nel 1944 fuggì in Svizzera, e fece ritorno in Italia nel 1945, dove continuò l'attività di professore universitario.

Scritti[modifica | modifica sorgente]

  • Le Mouvement ouvrier en Italie, Paris, Rivière, n. d. [1910]
  • Giorgio Sorel. Con una lettera autobiografica. Bibliografia, Ritratto e Autografo, Libreria Editrice Romana, Roma 1910
  • La disfatta del socialismo: Critica della guerra e del socialismo, Firenze, Libreria della Voce 1919

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://storia.camera.it/deputato/agostino-lanzillo-18861031#nav

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Roberto Bernardi, Agostino Lanzillo tra sindacalismo, fascismo e liberismo (1907-1952), Unicopli, Milano 2001

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 25544365