Ago, filo e nodo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 45°28′05.24″N 9°10′35.87″E / 45.468122°N 9.176631°E45.468122; 9.176631

Ago, Filo e Nodo
Ago, Filo e Nodo
Autori Claes Oldenburg e Coosje van Bruggen
Data 2000
Materiale acciaio e vetroresina
Dimensioni 1800 cm 
Ubicazione Piazzale Luigi Cadorna, Milano

Ago, Filo e Nodo (English: Needle, Thread and Knot) è una scultura in due parti creata da Claes Oldenburg e da sua moglie Coosje van Bruggen. L'opera è posta in piazzale Cadorna, punto cruciale del trasporto milanese per la presenza sia della stazione di Milano Cadorna sia dell'omonima fermata della Metropolitana.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il gigantesco ago con il filo multicolorato che sbuca in un altro punto della piazza con il nodo finale, sono stati realizzati per il rifacimento della Stazione di Milano Cadorna e della antistante piazza alla fine degli anni novanta. La scultura è stata inaugurata nel febbraio 2000.[1] Nel 2012 è stato annunciato che l'opera verrà a breve restaurata su intervento del Comune di Milano.[2]

Idea[modifica | modifica sorgente]

L'idea di base è quella di un treno che entra in una galleria sotterranea[3]. Il fatto che la scultura sia divisa in due parti ricongiunte idealmente nel sottosuolo, è un richiamo alla metropolitana[1], il mezzo i spostamenti rapidi all'interno della città: il filo, infatti, ha gli stessi colori identificativi delle tre linee milanesi. Come dichiarato pure da Gae Aulenti alla conferenza al Politecnico di Milano, rappresenta anche una parafrasi del biscione presente sullo stemma di Milano.[3]

L'opera è anche, un omaggio alla laboriosità milanese e, soprattutto, al mondo della moda, che ha in Milano uno dei principali centri mondiali.[3]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b TRAMA E ORDITO - il blog della moda: Ago, Filo e Nodo - scultura piazza Cadorna a Milano
  2. ^ COMUNE DI MILANO - Nuova vita per i monumenti e le fontane di Milano
  3. ^ a b c Scheda dell'opera sul sito degli autori