Agnosphitys cromhallensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Agnosphitys
Stato di conservazione: Fossile
Agnosphitys cromhallensis2 copia.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Superordine Dinosauria
Ordine Saurischia
Sottordine Sauropodomorpha
Famiglia Guaibasauridae
Genere Agnosphitys
Specie A. cromhallensis

L’agnosfitio (Agnosphitys cromhallensis) è un dinosauro carnivoro, o forse onnivoro, appartenente ai saurischi. Visse nel Triassico superiore (Norico/Retico, circa 215 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Inghilterra. È considerato uno dei dinosauri più primitivi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Tutto ciò che si conosce di questo dinosauro sono i resti fossili di un ilio, una mascella, un astragalo e un omero. Una descrizione dettagliata dell’animale è pressoché impossibile, ma dalla comparazione dei resti con quelli più completi di altri dinosauri primitivi si evince che Agnosphitys doveva essere un piccolo bipede dalla costituzione leggera. Dalle dimensioni delle ossa, si presume che questo animale non dovesse superare la lunghezza di 70 centimetri.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Descritto per la prima volta nel 2002, questo animale è stato variamente classificato come un antenato dei dinosauri, un dinosauro arcaico appartenente agli herrerasauridi o un teropode affine ai celofisioidi. Attualmente, però, grazie alla descrizione e lo studio di fossili di dinosauri primitivi provenienti dal Sudamerica, Agnosphitys è considerato un membro eccezionalmente primitivo dei sauropodomorfi, tra i quali spiccano i grandi sauropodi erbivori del Giurassico e del Cretaceo. La famiglia a cui appartiene Agnosphitys, i Guaibasauridae, comprende piccoli onnivori semibipedi come Saturnalia e Panphagia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fraser, N. C., Padian, K., Walkden, G. M., and Davis, L. M., 2002, Basal dinosauriform remains from Britain and the diagnosis of the Dinosauria: Palaeontology, v. 45, part 1, p. 79-95.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]