Agitation Free

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Agitation Free
Paese d'origine Germania Germania
Genere Musica elettronica
Krautrock
Periodo di attività 19671974
Album pubblicati 7
Studio 7
Live 0
Raccolte 0

Gli Agitation Free sono un gruppo musicale tedesco sorto nel 1967 ed attivo fino al 1974. Sono considerati tra i più noti esponenti della kosmische musik tedesca.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Formazione tedesca di rock d'avanguardia (ossia della famosa "Scuola di Berlino"), gli Agitation Free si formano a Berlino nel 1967. Nati dall'incontro di Lutz Ulbrich e Michael Günther, gli Agitation Free portano avanti la sperimentazione elettroacustica del periodo, con armonie orientali, free e insoliti light show. Acquisiti Michael Hoenig, Jög Schwenke e Burghard Raush, il gruppo pubblica l'album di debutto, Malesch, nel 1972. Il numero dei fan aumenta anche grazie ai tour in Germania e Francia, grazie anche al crescente apprezzamento delle sperimentazioni progressive e strumenti esotici. Il secondo album, 2nd, è maggiormente incentrato sull'elettronica che riscontra scarsi esiti commerciali. Questi, aggiunti a screzi nel gruppo riguardo all'identità musicale di esso, portano allo scioglimento nel 1974. Gunther e Ulbrich formano i Lagoona However, mentre Hoenig si unisce al progetto Time Wind. River of Return, del 1996, viene realizzato da Ulbrich, Günther, Lutjens, che rimpiazza Schwenke e Raush. Il gruppo si è riunito per dei concerti in Giappone nel 2007.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

  • Malesch (Vertigo, 1972)
  • 2nd (Vertigo, 1973)
  • Last (Barclay, 1976) live
  • At the Cliffs of River Rhine (Garden Of Delights, 1995) live
  • Fragments (Spalax, 1996)
  • The other sides of Agitation Free (Garden Of Delights, 1999)
  • River Of Return (Reunion) (BSC Music, 1999)

Formazione[modifica | modifica sorgente]

  • Lutz Ulbrich - chitarra, tastiere
  • Michael Günther - basso
  • Burghard Raush - batteria
  • Michael Hoenig - tastiere
  • Jög Schwenke - chitarra

Altri membri[modifica | modifica sorgente]

  • Stefan Diez - chitarra
  • Gustl Lütjens - chitarra

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Mauro Radice, Enciclopedia Pop, Celuc Libri, Milano 1976, p. 9

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo