San Nicolò (Creta)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Agios Nikolaos)
San Nicolò
comune
Άγιος Νικόλαος
veduta del lago
veduta del lago
Localizzazione
Stato Grecia Grecia
Periferia Creta
Unità periferica Lasithi
Territorio
Coordinate 35°11′N 25°43′E / 35.183333°N 25.716667°E35.183333; 25.716667 (San Nicolò)Coordinate: 35°11′N 25°43′E / 35.183333°N 25.716667°E35.183333; 25.716667 (San Nicolò)
Superficie 512 km²
Abitanti 26 069 (2001)
Densità 50,92 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 721 00
Prefisso 28410
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Grecia
San Nicolò
Sito istituzionale

San Nicolò[1][2] (in greco: Αγιος Νικόλαος, Aghios Nikólaos) è un comune della Grecia situato nell'isola di Creta (unità periferica di Lasithi) con 26.069 abitanti secondo i dati del censimento 2001[3].

A seguito della riforma amministrativa detta programma Callicrate in vigore dal gennaio 2011[4] che ha abolito le prefetture e accorpato numerosi comuni, la superficie del comune è ora di 512 km² e la popolazione è passata da 19.462[5] a 26.069 abitanti.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

San Nicolò è un importante polo di attrazione turistica grazie alla presenza di numerosi alberghi di categoria superiore.

L'agricoltura è una voce rilevante dell'economia locale soprattutto nelle zone interne. Notevole la produzione di olio di oliva e l'allevamento di ovini.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Esistono indizi che il territorio fu abitato nel periodo di mezzo della civiltà minoica (2100 a.C.-1560 a.C.) Nell'VIII secolo a.C. esisteva qui una città dorica, Latò che è stata individuata in località Goulàs vicino l'odierno villaggio di Kritsa, a 11 km circa dal capoluogo. <

Latò era dotata di un porto, Kamara che sorgeva sul sito dell'odierno capoluogo. Mentre Latò decadeva, Kamara si sviluppava fino a diventare in epoca romana e bizantina il centro maggiore della regione. Esisteva qui una chiesa bizantina dedicata a San Nicola che poi diede il nome alla città. In seguito si alternarono Arabi, Genovesi, Veneziani e Turchi Ottomani.
I Genovesi eressero un castello sulla collina Nomarchia e lo chiamarono Mirabello, nome che indica ancora oggi sia il golfo su cui si affaccia la città di San Nicolò sia una delle 3 province della prefettura di Lasithi.

Località[modifica | modifica wikitesto]

San Nicolò[modifica | modifica wikitesto]

San Nicolò.

San Nicolò ospita un interessante museo archeologico dove sono ospitati reperti provenienti dai numerosi scavi effettuati nella prefettura. A nord della città sulla vetta di un promontorio si trova la minuscola chiesa bizantina di San Nicola, esempio di arte bizantina del primo periodo

Elounda[modifica | modifica wikitesto]

Elounda è uno dei centri balneari più famosi di Creta. È congiunta al capoluogo da una strada litoranea di 10 km che offre splendidi colpi d'occhio sul golfo di Mirabello. Conta 2200 abitanti, tutti dediti ad attività turistiche o comunque ad esse connesse.

Le fortune di Elounda iniziarono con la proiezione di un film di Walt Disney del 1964 dal titolo: "Giallo a Creta" (Titolo originale: The moon-spinners). Nel 1969 fu eretto il primo grande albergo di lusso Elounda beach per iniziativa di Elena Nakos e dei fratelli Spiro e Giorgio cocotòs. Seguirono poi l'Elounda Mare, Elounda porto, Elounda peninsula e l'Elounda rok.
Elounda ha però una storia molto più antica; fu presa dai Veneziani agli inizi del secolo XIII. I Veneziani vi costruirono saline che diedero impulso ad un fiorente commercio del sale.
Nel XVI secolo, minacciati sempre più da vicino dagli Ottomani, i Veneziani costruirono la fortezza di Spinalonga.
Iraklio cadde nelle mani degli Ottomani nel 1669. Spinalonga resistette per altri 46 anni.

Kritsa[modifica | modifica wikitesto]

Kritsa è un villaggio dell'interno a 10 km da San Nicolò, i cui abitanti hanno conservato le tradizioni e gli usi cretesi. Esso conobbe una certa fioritura in epoca bizantina e veneziana come attestano le chiese dei dintorni. Panaya Kerà, ad 1 km dall'abitato, è una chiesa che conserva interessanti affreschi della tarda era bizantina. La chiesa è formata da tre cappelle unite, la prima dedicata a Santa Anna, la seconda alla dormizione della vergine e la terza a Sant'Antonio abate.
San Giovanni Evangelista è un'altra chiesa bizantina del XVI secolo vicino a Kritsa sulla strada per Krusta.

Kalò Choriò[modifica | modifica wikitesto]

Kalò Choriò è un centro agricolo importante nella zona meridionale del golfo di Mirabello. Nelle vicinanze del paese si trova il sito dell'antica città di Istros.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. il toponimo San Nicolò in Atlante Geografico d'Europa - Touring Club, 2007, tav. 52.
  2. ^ Cfr. il toponimo San Nicolò in Atlante Geografico. Fisico - politico - economico - Paravia, Torino, 1975, tav. 35.
  3. ^ Popolazione comuni greci. URL consultato il 4 aprile 2011.
  4. ^ Piano Callicrate. URL consultato il 4 aprile 2011.
  5. ^ Censimento 2001. URL consultato il 4 aprile 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Grecia Portale Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Grecia