Aghsán

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Aghsán (in arabo ﺍﻏﺼﺎﻥ, Rami ), è il nome con cui vengono chiamati nella letteratura della fede bahai, la religione fondata da Bahá'u'lláh, i discendenti maschi di Bahá'u'lláh stesso.

Casa Universale di Giustizia Bahai

Essere Aghsán ha comportato particolari implicazioni sia per i propri doveri nei confronti della fede, sia in ordine alla successione di Bahá'u'lláh e di suo figlio `Abdu'l-Bahá.

Custodia della fede[modifica | modifica wikitesto]

`Abdul-Bahá dispose nel suo testamento l'istituto della "Custodia della Fede", che corrisponde alla leadership ereditaria della fede.

Nominò Shoghi Effendi primo custode della fede stabilendo che questi avrebbe nominato il proprio successore tra i propri discendenti maschi diretti o in mancanza di essi tra i discendenti maschi di Bahá'u'lláh.

La nomina avrebbe dovuta essere stata ratificata dalle Mani della Causa di Dio.

Successione[modifica | modifica wikitesto]

Shoghi Effendi morì il 4 novembre 1957 senza lasciare discendenti maschi e senza avere nominato il proprio successore, né aveva lasciato indicazioni in merito alla sua successione, come attestato dalle Mani della Causa che ne avrebbero dovuto ratificare la scelta[1].

La Casa Universale di Giustizia, l'unica istituzione competente a risolvere le fattispecie non previste, stabilì non essere possibile, proprio per l'assenza del prerequisito, nominare il successore di Shoghi Effendi, che rimase il primo e l'ultimo Guardiano della Fede[2].

Attualmente la leadeship della religione bahai è esercitata dalla Casa Universale di Giustizia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Peter Smith, op. cit. in bibliografia.
  2. ^ Peter Smith, op. cit., pp. 169-170.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Bahai Portale Bahai: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bahai