Agesandro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il gruppo di Laocoonte.

Agesandro di Rodi (in greco antico Ἀγήσανδρος; I secolo a.C.I secolo) è stato uno scultore greco antico attivo a Rodi e in Italia in epoca tardo ellenistica.

Notizie biografiche[modifica | modifica wikitesto]

Il nome ricorre in contesti ed epoche differenti a Rodi ed è quindi riferibile a differenti scultori appartenuti ad una stessa famiglia e attivi per diverse generazioni. Un Agesandro è ricordato da Gaio Plinio Secondo[1] come autore, insieme ad Atanadoro e Polidoro, del gruppo del Laocoonte, opera marmorea presente nella casa dell'imperatore Tito. I nomi di questi stessi tre autori ricorrono in uno dei gruppi marmorei (il gruppo di Scilla) con i quali Tiberio adornò, in un programma scultoreo unitario, la grotta-ninfeo presso la propria villa a Sperlonga. I due gruppi, copie da prototipi bronzei preesistenti, riconducibili al fenomeno del neoellenismo (v. Scuola rodia), sono ritenuti quindi contemporanei e databili a partire dalla seconda metà del I secolo a.C.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gaio Plinio Secondo, XXXVI, 37.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti secondarie

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 42634827