Gaidaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Agathonisi)
Gaidaro
comune
Agathonisi - Αγαθονήσι
Megálo Chorió, principale centro abitato
Megálo Chorió, principale centro abitato
Localizzazione
Stato Grecia Grecia
Periferia Egeo Meridionale
Unità periferica Calimno
Territorio
Coordinate 37°27′49″N 26°58′09″E / 37.463611°N 26.969167°E37.463611; 26.969167 (Gaidaro)Coordinate: 37°27′49″N 26°58′09″E / 37.463611°N 26.969167°E37.463611; 26.969167 (Gaidaro)
Superficie 14,5 km²
Abitanti 158 (2001)
Densità 10,9 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Grecia
Gaidaro

Gaidaro[1] (in greco: Agathonisi - Αγαθονήσι) è l'isola più settentrionale del Dodecaneso. Per quanto di piccola estensione ha coste molto frastagliate così da annoverare numerosi golfi: Chochlià, San Giorgio (Agios Georgios), Poro e Maistro. Il suolo collinoso è roccioso e sterile. La vegetazione è povera e vi abbondano i cespugli. Fra i pochi alberi predomina l'olivo e il fico. Non esistono sorgenti d'acqua dolce e le necessità idriche della popolazione sono soddisfatte da pozzi che in periodi di siccità sono riempiti da speciali navi cisterna. Il suo nome significherebbe isola delle spine (dal greco Αγκαθι pronunciato Anghatho = spina). Il suo nome antico era Yetousa.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

A seguito della riforma detta programma Callicrate in vigore a partire dal 2011[2], l'isola è amministrata dal comune omonimo, situato nella periferia dell'Egeo Meridionale (unità periferica di Calimno), che comprende anche le isole di Gláros, Kounéli, Nerà e Psathonísio, tutte disabitate per una superficie complessiva di 14,5 km² e una popolazione di 158 abitanti al censimento 2001[3]

Località[modifica | modifica sorgente]

I centri abitati dell'isola sono i seguenti:

  • Grande (Megálo Chorió) (144 abitanti)
  • Piccolo (Mikró Chorió) (14 abitanti)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Gaidaro
  2. ^ programma Callicrate. URL consultato il 2 maggio 2011.
  3. ^ Censimento 2001. URL consultato il 2 maggio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]