Agaricus xanthodermus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Agaricus xanthodermus
Agaricus xanthoderma.jpg
Agaricus xanthodermus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Agaricomycetes[1]
Ordine Agaricales
Famiglia Agaricaceae
Genere Agaricus
Specie A. xanthoderma
Nomenclatura binomiale
Agaricus xanthodermus
Génev.
Caratteristiche morfologiche
Agaricus xanthodermus
Cappello semisferico disegno.png
Cappello semisferico
Gills icon.png
Imenio lamelle
Free gills icon2.svg
Lamelle libere
Brown spore print icon.png
Sporata marrone
Ring stipe icon.png
Velo anello
Virante icona.svg
Carne virante
Saprotrophic ecology icon.png
Saprofita
Velenoso icona.png
Velenoso

Agaricus xanthodermus Génev., Bull. Soc. bot. Fr. 23: 28 (1876) è un fungo "prataiolo" tossico; può essere facilmente identificato per via del suo odore sgradevole e perché la carne alla base del gambo è di colore giallo paglierino.

Descrizione della specie[modifica | modifica sorgente]

Cappello[modifica | modifica sorgente]

Di dimensioni medio-piccole, 8-12 cm di larghezza, a volte poco più grande. Da campanulato/trapezoidale ad emisferico, infine piano; poco consistente, di colore bianco, a volte più scuro al centro. Al tocco vira velocemente al giallo paglierino.

Lamelle[modifica | modifica sorgente]

Piuttosto fitte, libere. Dapprima bianche, poi bianco-sporco, infine brune e nerastre per via della sporata.

Gambo[modifica | modifica sorgente]

Non molto spesso, 10 x 2 cm, cilindrico con piccolo bulbo alla base, di colore bianco, ma giallo al tocco ed in sezione (taglio).

Anello[modifica | modifica sorgente]

Ampio, di colore bianco, dentellato al bordo.

Carne[modifica | modifica sorgente]

Di colore bianco, vira rapidamente al giallo se viene sezionata, di colore giallo chiaro alla base del gambo.

  • Odore: forte, molto sgradevole, come di inchiostro o di fenolo; se viene cucinato, si può percepire chiaramente un odore forte di "inchiostro" nell'ambiente di cottura. Talvolta l'odore è poco percepibile oppure subnullo: in tal caso strofinare vigorosamente il cappello o le lamelle.
  • Sapore: mediocre, sgradevole.

Microscopia[modifica | modifica sorgente]

Spore
ovoidali, 5-6,5 × 3,5-4 μm, color cacao in massa.

Habitat[modifica | modifica sorgente]

In autunno, nelle radure erbose dei boschi oppure nei parchi cittadini.

Commestibilità[modifica | modifica sorgente]

Tossico.
Provoca sindrome gastro-intestinale di lieve entità.
La tossicità di questa specie non è costante, in quanto a volte chi la consuma non accusa problemi gastro-intestinali.

Specie simili[modifica | modifica sorgente]

  • Agaricus commestibili, da cui si distingue perché di color giallo alla base del gambo (sezionare) e perché odora di inchiostro / fenolo e non di anice.
  • Altri Agaricus tossici, che potrebbero possedere odore di inchiostro/fenolo più debole se non appena percettibile.
  • A volte con specie mortali del genere Amanita.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Dal greco xanthos = giallo e derma = pelle, per via del colore del carpoforo che vira rapidamente al giallo se viene toccato.

Sottospecie, forme e varietà di Agaricus xanthodermus[modifica | modifica sorgente]

  • Agaricus xanthodermus subsp. ammophilus (Menier) J.M. Losa (1969)
  • Agaricus xanthodermus subsp. xanthodermus Genev. (1876)
  • Agaricus xanthodermus var. antibioticus Cleland & J.R. Harris (1948)
  • Agaricus xanthodermus var. croceus Raithelh. (1974)
  • Agaricus xanthodermus var. griseus (A. Pearson) Bon & Cappelli (1983), (= Agaricus xanthodermus)
  • Agaricus xanthodermus var. lepiotoides Maire (1911), (= Agaricus xanthodermus)
  • Agaricus xanthodermus var. meleagrioides (A. Pearson) Bon & Cappelli (1983)
  • Agaricus xanthodermus var. obscuratus Maire (1910), (= Agaricus moelleri)
  • Agaricus xanthodermus var. pilatianus Bohus (1971)
  • Agaricus xanthodermus var. xanthodermus Genev. (1876), (= Agaricus xanthodermus)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Sinonimi e binomi obsoleti[modifica | modifica sorgente]

  • Agaricus meleagris var. grisea (A. Pearson) Wasser, Ukr. bot. Zh. 35(5): 516 (1978)
  • Agaricus pseudocretaceus Bon, Docums Mycol. 15(no. 60): 34 (1985)
  • Agaricus xanthodermus var. griseus (A. Pearson) Bon & Cappelli, Docums Mycol. 13(no. 52): 16 (1983)
  • Agaricus xanthodermus var. lepiotoides Maire, (1911)
  • Agaricus xanthodermus Genev., Bull. Soc. bot. Fr. 23: 28 (1876) var. xanthodermus
  • Pratella xanthoderma (Genev.) Gillet, Champignons de France. Tableaux Analytiques des Hyménomycétes (Alençon): 129 (1884)
  • Psalliota flavescens Richon & Roze, (1888)
  • Psalliota xanthoderma (Genev.) Richon & Roze,: 53 (1885)
  • Psalliota xanthoderma var. grisea A. Pearson, Trans. Br. mycol. Soc. 29(4): 204 (1946)
  • Psalliota xanthoderma var. lepiotoides (Maire) Rea, Brit. basidiomyc. (Cambridge): 85 (1922)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Agaricus xanthodermus in Index Fungorum, CABI Bioscience.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

(EN) Agaricus xanthodermus in Index Fungorum, CABI Bioscience.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia