Agapito di Pečerska

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sant'Agapito di Pečerska
Francobollo ucraino raffigurante il santo
Francobollo ucraino raffigurante il santo

Monaco

Nascita XI secolo
Morte 1095
Venerato da Chiesa ortodossa russa
Santuario principale Grotte Vicine (Pečerska Lavra)
Ricorrenza 14 giugno
Attributi Fascio di erbe medicinali, ampolla

Agapito di Pečerska (Kiev, XI secoloPečerska Lavra, 14 giugno 1095) fu un monaco e medico della Rus' di Kiev. È venerato come santo dalla Chiesa ortodossa russa che ne celebra la memoria il 14 giugno.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La sua agiografia è contenuta nei Pateriki del Monastero delle Grotte di Kiev, redatti tra l'XI e il XIII secolo.

Tra i primi discepoli che seguirono sant'Antonio di Pečerska contribuì alla fondazione del Monastero delle Grotte. Di professione medico era solito curare, attraverso le proprietà curative delle erbe e la preghiera, i suoi confratelli e i cittadini di Kiev che chiedevano il suo aiuto, alcuni dei quali lasciarono dopo la guarigione lasciti che contribuirono al sostentamento della comunità religiosa.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La sua agiografia nei Pateriki si sofferma in modo particolare sull'episodio che lo vide contrapporsi ad un medico armeno, la cui bravura per il sentire comune era tale da permettergli di sapere non solo il tipo di malattia sofferta dai pazienti ma persino il giorno esatto in cui il malato sarebbe morto. Dopo che Agapij ebbe guarito un suo assistito che aveva già dato per morente, dapprima fallì nel tentativo di avvelenare il monaco quindi, quando questo cadde malato, scommise con lo stesso che sarebbe morto entro tre giorni. Nel caso in cui avesse fallito nella sua prognosi promise di convertirsi al cristianesimo ortodosso. Particolare significativo dell'agiografia del santo è la rabbia e la veemenza con cui Agapij si scagliò contro il suo interlocutore una volta saputo che non era battezzato[1]: "Dunque osi anche mettere piede nella mia cella e, peccatore, allungare le tue mani verso di me? Allontanati da qui figura infedele e impura" furono infatti le parole che gli rivolse nell'occasione. Agapito morì solo tre settimane più tardi e il medico armeno, rispettando la parola data, si convertì e prese i voti monastici nel monastero.

La Vita del santo racconta inoltre di come, tramite il decotto di alcune erbe, Agapij fu in grado di guarire da una malattia gravissima Vladimir II di Kiev, allora Duca di Černigov, il quale non riuscì tuttavia a ringraziarlo per l'opera prestatagli poiché, ogniqualvolta si recava al Monastero, il monaco si nascondeva dal suo cospetto.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ È infatti insolito, o per lo meno molto raro, trovare nelle voci agiografiche dei santi ortodossi vissuti nei secoli successivi descrizioni di stati collerici dei loro protagonisti, che mal si addicono, per alcuni versi, al concetto stesso di umiltà e santità. Nei Pateriki invece la rabbia e l'odio emergono con una certa frequenza.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]