Agapito Mosca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Agapito Mosca
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardinalCoA PioM.svg
Nato 28 aprile 1678, Pesaro
Creato cardinale 1º ottobre 1732 da papa Clemente XII
Deceduto 22 agosto 1760, Roma

Agapito Mosca (Pesaro, 28 aprile 1678Roma, 22 agosto 1760) è stato un cardinale italiano della Chiesa cattolica, nominato da papa Clemente XII nel Concistoro Segreto del 1º ottobre 1732.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Agapito Mosca nacque il 28 aprile 1678 in seno alla nobile famiglia pesarese dei marchesi Mosca, figlio del marchese Carlo Mosca e di Ippolita dei conti Greppi.

Frequentò a Siena il Collegio Tolomei. Suo cugino[1] Clemente XI nel 1702 lo assegnò all’Arcivescovo di Avignone Lorenzo Fieschi che era Nunzio straordinario a Parigi. Nel 1706 ebbe l’incarico della Berretta ai Cardinali Baducci e Cristiano Augusto di Sassonia. Nel 1715 fu Vicelegato della Romagna con la Presidenza delle Acque delle Tre Legazioni.

Benedetto XIII lo nominò nel 1717 Governatore di Jesi e di Loreto dove subentrò al sammarinese Monsignor Melchiorre Maggio. Nel 1726 fu Commissario della Camera e dopo poco Chierico della stessa. Fu legato di Ferrara alla morte del Cardinale Aldobrandini nel 1734.

Partecipò ai seguenti conclavi: 18 febbraio e 17 agosto 1740 (Benedetto XIV), 15 marzo e 6 luglio 1758 (Clemente XIII).

Fu Cardinale Diacono di San Giorgio al Velabro dal 1732 al 1743 e di Sant’Agata dal 1743 al 1760.

Morì a Roma il 22 agosto 1760. Fu sepolto nella Chiesa di Santa Maria Immacolata di Roma, meglio nota come Chiesa dei Cappuccini, in cui si trova la sua lapide sepolcrale[2].

Fu ricordato come un uomo affabile, di straordinaria dolcezza che ricoprì i suoi incarichi con grande senso del dovere.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Secondo altra fonte (vedi Macrobio) era nipote
  2. ^ Il suo presunto ritratto dipinto ad olio si trova nei Musei Civici di Pesaro (n.catalogo 3785).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]