Affricata alveolo-palatale sorda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Una consonante affricata alveolopalatale sorda è una consonante affricata presente in molte lingue, che in base all'alfabeto fonetico internazionale è rappresentata con la sequenza t͡ɕ (in passato, con la legatura ʨ).

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

L'affricata alveolopalatale sorda presenta le seguenti caratteristiche:

  • il suo modo di articolazione è affricato, perché questo fono è dovuto alla sequenza di una fase occlusiva e di una fase fricativa;
  • il suo luogo di articolazione deve essere alveolopalatale: perché tale consonante si pronuncia metà alveolare, metà palatale.
  • è una consonante sorda, in quanto viene prodotta senza l'ausilio delle corde vocali.

Il suono [t͡ɕ] è presente in cinese mandarino (translitterato j in hanyu pinyin) e in thailandese (corrisponde al carattere จ nel relativo alfabeto); in entrambe le lingue la consonante esiste inoltre nella forma aspirata [t͡ɕʰ] (translitterata q in hanyu pinyin; è il suono delle lettere ฉ, ช e ฌ dell'alfabeto thai). Nella lingua polacca il suono [ʨ] si indica con la lettera C con l'accento acuto: ć – ad es. "grać" [grat͡ɕ] (giocare).

In italiano tale fono non è presente perché la consonante si pronuncia affricata postalveolare sorda (IPA t͡ʃ), ma non affricata alveolopalatale, tranne che nel siciliano.

Pronuncia: Ascolta[?·info]

linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica