Aethia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Aethia
Parakeetauklets2.jpg
Aethia psittacula
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Charadriiformes
Sottordine Lari
Famiglia Alcidae
Tribù Aethiini
Genere Aethia
Merrem, 1788
Specie

Aethia Merrem, 1788 è un genere di uccelli caradriformi della famiglia Alcidae.[1]

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il termine Aethia deriva dal greco αίθυια, termine che indicava un non meglio identificato uccello marino. La stessa parola, con una traslitterazione diversa (Aythya) è utilizzata per indicare un genere ben distinto di uccelli della famiglia degli Anatidi.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Le specie appartenenti al genere Aethia sono uccelli marini di piccole dimensioni (85-300 g)[2].

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Si cibano prevalentemente di copepodi, meduse, ctenofori, di krill ed altri tipi di zooplancton[2].
Nidificano in colonie che raggiungono il milione di individui[3], depongono un solo uovo in una fenditura naturale e lo covano per 25-36 giorni[2]; il pulcino metterà le piume 25-35 giorni dopo la schiusa[4].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Il genere è distribuito nelle regioni settentrionali dell'Oceano Pacifico (Mare di Bering, Mare di Okhotsk, Golfo di Alaska e Isole Aleutine)[2].

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Il genere comprende le seguenti specie viventi:[1]

È stata inoltre descritta una specie fossile del tardo Miocene[5].

  • Aethia rossmoori

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Alcidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 19 maggio 2014.
  2. ^ a b c d Gaston, A.J. and Jones, I.L. 1998. The Auks: Alcidae. Oxford University Press, New York.
  3. ^ Byrd, G.V., Renner, H.M. and Renner, M. 2005. Distribution patterns and population trends of breeding seabirds in the Aleutian Islands. Fisheries Oceanography 14:139-159.
  4. ^ Ydenberg, R.C. 1989. Growth-mortality trade-offs and the evolution of juvenile life histories in the Alcidae. Ecology 70:1494-1506.
  5. ^ Warheit, K.R. 1992. A review of the fossil seabirds from the Tertiary of the North Pacific: plate tectonics, paleoceanography and faunal change. Paleobiology 18: 401-424.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli