Aesculus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ippocastano
Aesculus hippocastanum fruit.jpg
Frutti d'ippocastano (castagne d'India)
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Sapindales
Famiglia Sapindaceae
Genere Aesculus
L., 1753
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Tricolpate basali
(clade) Rosidi
(clade) Eurosidi II
Ordine Sapindales
Famiglia Sapindaceae
Specie

Aesculus L., 1753 è un genere di piante appartenente alla famiglia Sapindaceae, comprendente alberi di grandi dimensioni, noti con il nome comune di ippocastano, originari dell'Eurasia e del Nordamerica.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Tre specie del genere Aesculus sono originarie dell'Asia (A. turbinata, A. chinensis, A. indica), una, la più diffusa in Europa (A. hippocastanum), proviene dalla penisola balcanica e gli altri dal nord America. Importato in Italia e in Europa, l'ippocastano viene usato in special modo a scopo ornamentale e lo si può trovare nei parchi e in molti giardini, ha un aspetto maestoso, la sua chioma di notevole altezza (oltre i 30 m) è molto ampia e tondeggiante, i vistosissimi fiori ermafroditi e profumati, riuniti come grandi pannocchie, sono di colore bianco e si aprono tra aprile e maggio; la liscia corteccia è di colore grigiastro.

I frutti sono delle grosse e lucide castagne non commestibili, racchiuse in un riccio aculeato e vengono comunemente chiamati castagne d'India. Le foglie decidue, di colore verde brillante, sono di forma palmata e dotate di un lungo picciolo, unite al ramo in posizione opposta.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il genere comprende le seguenti specie:[1]

Alcune specie coltivate[modifica | modifica wikitesto]

  • Aesculus parviflora: è un arbusto a foglie decidue con fiori profumati ermafroditi, altezza massima 4 m;
  • Aesculus pavia: arbusto a foglie decidue, fiori ermafroditi, non supera i 5 m di altezza;
  • Aesculus californica: a foglie decidue porta fiori ermafroditi profumati, in natura può raggiungere i 12 m di altezza;
  • Aesculus flava e Aesculus glabra: alberi a foglie decidue e fiori ermafroditi, che in natura raggiungono altezze di 20 m.

I frutti degli ippocastana contengono "saponine" e in tempi passati, dopo essere stati preventivamente macinati, venivano usati come alternativa al detersivo per il bucato.

Coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

Foglie e fiori di Aesculus hippocastanum

La coltivazione dell'ippocastano è molto semplice essendo un albero che può crescere con ogni tipo di terreno e che non necessita di particolari cure. La sua moltiplicazione avviene per seme, messo a dimora subito dopo la maturazione in quanto in breve tempo perde la capacità germinativa. Esistono molteplici varietà ed incroci di Aesculus esse vengono generalmente riprodotte per innesto su pianta portaseme di A. hippocastanum. L'innesto è generalmente di tipo "a gemma" ma può essere anche di tipo "a spacco".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Aesculus in The Plant List. URL consultato il 10 giugno 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]