Aeroporto di Cameri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Aeroporto militare di Cameri)
Aeroporto di Cameri
Ingresso dell'aeroporto
Ingresso dell'aeroporto
IATAnessuno – ICAO: LIMN
Descrizione
Nome impianto Aeroporto di Cameri
Natale e Silvio Palli
Tipo Militare
Esercente Aeronautica Militare
Stato Italia Italia
Regione Piemonte Piemonte
Posizione 1 km a NE di Cameri
Costruzione 1909
Altitudine AMSL 160 m
Coordinate 45°31′48″N 8°40′09″E / 45.53°N 8.669167°E45.53; 8.669167Coordinate: 45°31′48″N 8°40′09″E / 45.53°N 8.669167°E45.53; 8.669167
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
LIMN
Piste
Orientamento (QFU) Lunghezza Superficie
17/35 2.830x45
Pista in conglomerato bituminoso con testata in calcestruzzo

[senza fonte]

L'aeroporto di Cameri è uno scalo militare, che nella storia è stato sede di vari reparti aerei, ultimo dei quali fu il 53º Stormo, sciolto il 28 luglio 1999. Attualmente ospita il 1º Reparto manutenzione velivoli.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'aeroporto di Cameri (in camerese al camp d'aviazioch) vede le sue origini nel 1909, grazie all'opera dell'ingegnere francese Clovis Thouvenot. Successivamente a Thouvenot, si insedia nell'area Giuseppe Gabardini, che promuove e sviluppa le attività aeronautiche, soprattutto con la creazione di una scuola di volo grazie alla fondazione della Aeroplani Gabardini-Officine e scuola di volo-Aerodromo Cameri. Nel 1930 la scuola cessa la sua opera su disposizione di Italo Balbo, che mal tollerava una scuola di volo civile, ma il campo rimane funzionante come officina aeronautica. Durante la seconda guerra mondiale, dopo l'8 settembre 1943, l'aeroporto viene occupato dai tedeschi, che cercano di potenziarne la struttura iniziando la costruzione di due nuove piste in cemento. L'11 aprile 1945 la Luftwaffe abbandona Cameri, facendo saltare le piste e gli edifici ad eccezione dell'edificio di Comando. Nel dopoguerra comincia la ricostruzione, che porterà la base aerea ad ospitare diversi reparti, tra i quali la pattuglia acrobatica dei Lanceri Neri (in prossimità dell'ingresso dell'aeroporto campeggia un aereo North American F-86 Sabre che fu in carico ai Lanceri) e dal 1967 al 1999 il 53º Stormo Caccia. Oggi l'aeroporto di Cameri è sede del 1° RMV (Reparto manutenzione velivoli), che si occupa della manutenzione dei Panavia Tornado e degli Eurofighter Typhoon. L'aeroporto è inoltre utilizzato come base d'appoggio per il collaudo degli elicotteri Agusta e per la produzione dei Lockheed Martin F-35 Lightning II da parte di varie aziende tra cui Alenia Aermacchi e Mecaer Aviation Group.

Comandanti[modifica | modifica wikitesto]

Scuola Gabardini

giugno 1915 - 1916: capitano Salvatore Russi

1916 - giugno 1916: capitano Ivo Varanini

luglio 1916 - agosto 1916: capitano Giuseppe Neri

4 agosto 1916 - 1917: capitano Aurelio Liotta

maggio 1917 - 7 dicembre 1917: capitano Filippo Giorgi

dicembre 1917 - marzo 1918: sconosciuto

marzo 1918 - 1920: sconosciuto

1921 - 1922: capitano Giovanni Orlando

1922 - 1924: capitano Nino Santerni

1924 - 1926: maggiore Umberto Martellucci

1926 - 9 marzo 1927: capitano Umberto Urbinati

10 marzo 1927 - ottobre 1929: capitano Giovanni Arrigoni

ottobre 1929 - 30 aprile 1930: capitano Orlando Ferroni

Sezione Turismo Aereo

1932 - 14 aprile 1934: tenente Teresio Merlo

15 aprile 1934 - 28 febbraio 1936: capitano Leonardo Alvari

Scuola pilotaggio

1 marzo 1936 - 31 marzo 1940: tenente colonnello Francesco Brach Papa

43º stormo BT

1 aprile 1940 - 10 settembre 1940: colonnello Luigi Questa

7º Stormo BT e AS

10 ottobre 1940 - 19 marzo 1941: colonnello Loth Bernard

20 marzo 1941 - 2 settembre 1941: colonnello Emilio Draghelli

3 settembre 1941 - 26 ottobre 1941: colonnello Celso Ranieri

27 ottobre 1941 - 12 novembre 1941: tenente colonnello Carlo Marazzani

13 novembre 1941 - 31 marzo 1942: colonnello Domenico Ludovico

1 aprile 1942 - 14 agosto 1942: tenente colonnello Ivo Ravazzoni

Regg. "Duca d'Aosta"

15 agosto 1942 - 8 novembre 1942: colonnello Donatello Gabrielli

43º stormo BT

25 dicembre 1942 - 19 marzo 1943: tenente colonnello Corrado Corradino

1° NAVSM

20 marzo 1943 - 22 aprile 1943: tenente colonnello Adolfo Contoli

37º Stormo BT

23 aprile 1943 - maggio 1943: colonnello Antonino Altomare

maggio 1943 - 18 agosto 1943: tenente colonnello Francesco De Grandi

50º Gruppo BT

21 agosto 1943 - 10 settembre 1943: tenente colonnello Alberto Ferrario

Occupazione tedesca

11 settembre 1943 - 11 aprile 1945

Campo Custodito

29 luglio 1947 - settembre 1947: maresciallo Zani

settembre 1947 - 19 agosto 1957: sergente Vittorio Roscini

2° AB ID

20 agosto 1957 - 16 settembre 1957: colonnello Vincenzo Lucertini

17 settembre 1957 - 6 maggio 1959: colonnello Corrado Ceccacci

7 maggio 1959 - 1 ottobre 1960: colonnello Giuseppe Costantini

2 ottobre 1960 - 3 ottobre 1961: colonnello Carlo Canella

Base Aerea

3 ottobre 1961 - 12 ottobre 1962: colonnello Giulio Cesare Giuntella

13 ottobre 1962 - 22 ottobre 1963: colonnello Giuseppe Aurili

23 ottobre 1963 - 22 ottobre 1964: colonnello Guglielmo Specker

24 ottobre 1964 - 22 ottobre 1965: colonnello Bruno Seraglia

23 ottobre 1965 - 22 ottobre 1966: colonnello Giannetto Ciarlini

53º Stormo Caccia

23 ottobre 1966 - 31 marzo 1967: colonnello Renato Baroni

1 aprile 1967 - 29 ottobre 1967: colonnello Renato Baroni

30 ottobre 1967 - 29 ottobre 1968: colonnello Carlo Puggioni

30 ottobre 1968 - 29 ottobre 1969: colonnello Antonio Zangrandi

30 ottobre 1969 - 29 ottobre 1970: colonnello Vasco Lucci

30 ottobre 1970 - 29 ottobre 1971: colonnello Catullo Nardi

30 ottobre 1971 - 29 ottobre 1972: colonnello Michele Sicoli

30 ottobre 1972 - 29 ottobre 1973: colonnello Lamberto Sarti

30 ottobre 1973 - 29 ottobre 1974: colonnello Antonio Mancino

30 ottobre 1974 - 29 ottobre 1975: colonnello Guido Cutry

30 ottobre 1975 - 29 ottobre 1976: colonnello Francesco Pugliese

30 ottobre 1976 - 29 ottobre 1977: colonnello Pasquale Graziano

30 ottobre 1977 - 19 ottobre 1978: colonnello Carlo Sabbatini

20 ottobre 1978 - 19 giugno 1980: colonnello Andrea Fornasiero

20 giugno 1980 - 22 giugno 1981: colonnello Giovanni Toscani

23 giugno 1981 - 8 settembre 1982: colonnello Alberto Frigo

9 settembre 1982 - 16 febbraio 1984: colonnello Celestino Celegato

17 febbraio 1984 - 28 agosto 1985: colonnello Mario Carnevaletti

29 agosto 1985 - 30 luglio 1987: colonnello Luigi Maresio

31 luglio 1987 - 15 settembre 1988: colonnello Rosario Alderisi

16 settembre 1988 - 18 settembre 1990: colonnello Giampaolo Mussolin

19 settembre 1990 - 18 settembre 1991: colonnello Lucio Buscaglia

19 settembre 1991 - 13 settembre 1993: colonnello Tommaso Ferro

14 settembre 1993 - 13 settembre 1995: colonnello Luigi Corsi

14 settembre 1995 - 3 settembre 1997: colonnello Fabrizio Draghi

4 settembre 1997 - 28 luglio 1999: colonnello Roberto Lamanna

Com. Aeroporto

29 luglio 1999 - 11 ottobre 1999: tenente colonnello Luigi Piccolo

12 ottobre 1999 - 23 ottobre 2001: colonnello Vincenzo Pastore

24 ottobre 2001 - 23 dicembre 2006: colonnello Dino Fabbri

24 dicembre 2006 - 12 gennaio 2010  : colonnello Gian Mario Morresi

12 gennaio 2010 - attuale: colonnello Alessandro Tudini

Note[modifica | modifica wikitesto]


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]