Aeroporto Internazionale di Los Angeles

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il videogioco, vedi Klax (videogioco).
Aeroporto Internazionale di Los Angeles
Il Theme Building.
IATALAX – ICAOKLAX
Descrizione
Nome impianto Los Angeles International Airport
Tipo Civile
Esercente Los Angeles World Airports
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Stato federato California California
Città Los Angeles
Posizione 27 km a sud del centro cittadino
Altitudine AMSL 38 m
Coordinate 33°56′33″N 118°24′29″W / 33.9425°N 118.408056°W33.9425; -118.408056Coordinate: 33°56′33″N 118°24′29″W / 33.9425°N 118.408056°W33.9425; -118.408056
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
KLAX
Sito web http://www.lawa.org/lax
Piste
Orientamento (QFU) Lunghezza Superficie
6L/24R 2 720 m
PAPI - ILS
6R/24L 3 135 m
PAPI - ILS
7L/25R 3 685 m
PAPI - ILS
7R/25L 3 382 m
PAPI - ILS
Statistiche (2011)
Passeggeri in transito 61.848.449

[senza fonte]

L'Aeroporto internazionale di Los Angeles (IATA: LAX, ICAO: KLAX), in inglese Los Angeles International Airport, è il principale aeroporto della città di Los Angeles, in California, negli Stati Uniti d'America. Spesso ci si riferisce a questo impianto come LAX, il suo codice IATA. L'aeroporto è situato a sud-ovest di Los Angeles, nel quartiere di Westchester, a 26 km dal centro cittadino.

Con i suoi 61.848.449 di passeggeri nel 2011 è il sesto aeroporto più trafficato del mondo e sono servite destinazioni in tutti i cinque continenti. L'aeroporto è un hub per United Airlines ed Alaska Airlines, una focus city per American Airlines e Southwest Airlines e un international gateway per Delta Air Lines. L'aeroporto è anche una base della United States Coast Guard, che opera con tre elicotteri.

Anche se questo è l'aeroporto principale di Los Angeles, molte zone famose della città, a causa della sua vastità, sono più vicine ad altri aeroporti.

Posizione[modifica | modifica wikitesto]

L'aeroporto si trova a 26 km dal centro di Los Angeles e ricopre un'area di 3.500 acri, circa 14 km². Il complesso è uno dei più frequentati dai fotografi e curiosi del mondo dell'aviazione civile: dalle alture della Imperial Hill, e da altri punti di osservazione, è possibile vedere tutto il complesso aeroportuale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo schema dell'aeroporto.

Nel 1928 il Consiglio Comunale di Los Angeles selezionò un'aerea di 640 acri (2.6 km²) a Sud di Westchester come zona per la costruzione del nuovo aeroporto cittadino. I campi di grano e leguminose vennero convertiti in una striscia battuta, senza nessun terminal o edificio. La nuova aviosuperficie venne denominata Mines Field in onore di William W. Mines, l'agente immobiliare che si occupò della trattativa. La prima struttura, l'Hangar No. 1, fu eretta nel 1929.

Questo Mines Field venne dedicato e aperto come aeroporto ufficiale di Los Angeles nel 1930 e la città lo acquistò per farlo diventare l'aeroporto municipale nel 1937. Il nome venne cambiato in Los Angeles Airport (Aeroporto di Los Angeles) nel 1941 e assunse il nome attuale nel 1949. In precedenza l'aeroporto di Los Angeles era il Gran Central Airport a Glendale.

In questo periodo l'aeroporto era totalmente a Est di Sepulveda Boulevard, successivamente l'aeroporto cominciò ad espandersi verso Ovest fino a raggiungere l'Oceano Pacifico. Per ovviare alla presenza di una strada in mezzo a un aeroporto fu costruito un tunnel nel 1953 che corre sotto le piste, il primo di questo tipo.

Nel 1958 lo studio Pereira & Luckman fu incaricato di presentare un progetto per la completa riqualificazione dell'aeroporto in vista dell'"era dei Jet". Il progetto, redatto in cooperazione con gli archetti Welton Becket e Paul Williams, consisteva in una massiccia serie di aerostazioni e parcheggi, che dovevano essere costruiti nella zona centrale dell'aeroporto, e collegati da un'enorme cupola di vetro e ferro. Questo progetto non venne mai realizzato e poco dopo venne edificato il famoso Theme Building proprio sulla zona originariamente dedicata alla grande cupola centrale.

Una visione notturna del Theme Building nel periodo natalizio del 2005.

L'originale Theme Building, terminato nel 1961, rappresenta un disco volante atterrato sulle sue "quattro gambe". Nel 1997 vennero investiti 4 milioni di dollari per rinnovare il complesso: la miglioria principale fu un sistema di illuminazione progettatto dalla Disney che colora l'edificio di varie sfumature e al centro venne completato un ristorante dal quale si gode la vista di tutto l'aeroporto. Dopo gli attentati dell'11 settembre 2001 la terrazza sul tetto è stata chiusa per motivi di sicurezza.

Il primo servizio operato con Jets iniziò nel 1959 con un collegamento da e verso New York. Il primo aereo wide body arrivò nel 1970 quando la TWA inaugurò i collegamenti con New York operati con Boeing 747.

Nel 1981 si ebbero sostanziali rinnovamenti, con un investimento di 700 milioni di dollari, in vista delle Olimpiadi del 1984. Successivi rinnovamenti e migliorie si ebbero nel corso degli anni, tra le principali la costruzione del Terminal 2.

Un'Airbus A380 della Qantas a Los Angeles.

L'11 settembre 2001 sarebbe dovuto atterrare volo American Airlines 11, che, invece, fu dirottato da terroristi islamisti e si schiantò contro il World Trade Center di New York

Il 19 marzo 2007 c'è stato primo atterraggio dell'Airbus Airbus A380 a Los Angeles: il primo atterraggio negli Stati Uniti per volontà dei cittadini.

Dal 31 marzo 2008 l'aeroporto è servito da nuove compagnie, tra le quali Alitalia.

Il 20 ottobre 2008 la Qantas ha iniziato i collegamenti settimanali verso Sydney e Melbourne operati con A380.

Compagnie aeree e destinazioni[modifica | modifica wikitesto]

L'aeroporto di Los Angeles tratta più "passeggeri diretti", ovvero non facenti scalo a Los Angeles, di ogni altro aeroporto nel mondo. Si tratta del quinto aeroporto mondiale per traffico passeggeri e dell'undicesimo per traffico merci in quanto ha gestito più di 60 milioni di passeggeri e più di due milioni di tonnellate di merci nel 2006. È l'aeroporto più trafficato della California e il terzo per volume di passeggeri negli Stati Uniti. In termini di passeggeri internazionali, Los Angeles è il secondo più trafficato degli USA, dopo l'Aeroporto Internazionale di Chicago-O'Hare, e il 26º mondialmente.

L'aeroporto LAX serve 87 destinazioni nazionali e 69 internazionali in America del Nord, America Latina, Europa, medio Oriente, Asia e Oceania. I vettori principali sono United Airlines con il 24,6% del traffico, 210 partenze giornaliere e 61 destinazioni, American Airlines, con il 20,07%, 126 partenze e 34 destinazioni, e Southwest Airlines con il 16,55% e 105 partenze. Su scala minore Delta Air Lines, con il 9,97%, e Alaska Airlines con il 4,7%. La Qantas effettua più voli di ogni altra compagnia non statunitense.

L'aeroporto è dotato di nove terminals sistemati a "U" e sono collegati esternamente attraverso del bus-navetta. Inoltre ci sono 186 000 m² di superficie dedicata ai servizi cargo.

Terminal 1[modifica | modifica wikitesto]

Il terminal 1, costruito nel 1984, consta di 15 gate, più di ogni altro terminal.

Compagnie aeree e destinazioni dal Terminal 1
Compagnia Destinazioni
Stati UnitiSouthwest Airlines Albuquerque, Atlanta [dal 10 giugno 2012], Austin, Baltimore, Chicago-Midway, Denver, El Paso, Houston-Hobby, Kansas City, Las Vegas, Nashville, New Orleans, Oakland, Phoenix, Reno/Tahoe, Sacramento, St. Louis, Salt Lake City, San Antonio, San Francisco, San Jose (CA), Tucson
Stati UnitiUS Airways Charlotte, Philadelphia, Phoenix
Stati UnitiUS Airways Express operato da Stati UnitiMesa Airlines Phoenix

Terminal 2[modifica | modifica wikitesto]

Il Terminal 2 ha 11 gates, è stato costruito nel 1962 ed è il primo terminal internazionale. Demolito e completamente riedificato nel 1984, è uno dei tre terminal che ha un CBP (Customs and Border Protection; in inglese: Protezione delle Dogane e dei Confini), ovvero quelle strutture necessarie per i controlli di sicurezza sui passeggeri stranieri in arrivo. Grazie a queste dotazioni il terminal è in grado di fornire un'alternativa al congestionato Tom Bradley International Terminal (TBIT).

Compagnie aeree e destinazioni dal Terminal 2
Compagnie Destinazioni
MessicoAeroméxico Guadalajara, Città del Messico
MessicoAeroméxico Connect Culiacán, Hermosillo
CanadaAir Canada Calgary, Montréal, Toronto-Pearson, Vancouver
CinaAir China Pechino-Capital
FranciaAir France Papeete, Parigi-Charles de Gaulle
Nuova ZelandaAir New Zealand Auckland, London-Heathrow, Rarotonga
ItaliaAlitalia Stagionale: Roma-Fiumicino
Stati UnitiHawaiian Airlines Honolulu
Paesi BassiKLM Royal Dutch Airlines Amsterdam
CanadaSun Country Airlines Minneapolis/St. Paul
GuatemalaCosta RicaNicaraguaEl SalvadorHondurasTACA San Salvador
GuatemalaCosta RicaNicaraguaEl SalvadorHondurasTACA operato da Costa RicaLACSA Guatemala City, San José, San Salvador [questi arrivi sono deviati al TBIT]
Regno UnitoVirgin Atlantic Londra-Heathrow
CanadaWestJet Calgary, Edmonton

Terminal 3[modifica | modifica wikitesto]

L'ingresso del Terminal 3 prima del trasloco di American Airlines al Terminal 4.

Il Terminal 3, con 13 gates, aprì nel 1961 come terminal per la TWA. Ha ospitato alcuni voli American Airlines prima del trasferimento della stessa al Terminal 4.

Compagnie aeree e destinazioni dal Terminal 3
Compagnie Destinazioni
Stati UnitiAirTran Airways Atlanta, Milwaukee
Stati UnitiAlaska Airlines Guadalajara, Ixtapa/Zihuatanejo, Manzanillo, Mazatlán, Mexico City, Portland (OR), Puerto Vallarta, San José del Cabo, Seattle/Tacoma, Vancouver, Washington-National, Stagionale: Anchorage
Stati UnitiAlaska Airlines operato da Stati UnitiHorizon Air La Paz, Loreto, Mammoth Lakes, Medford, San Jose (CA), Santa Rosa, Seattle/Tacoma, Stagionale: Sun Valley
Stati UnitiVirgin America Boston, Cancún, Chicago-O'Hare, Dallas/Fort Worth, Fort Lauderdale, New York-JFK, Orlando, Philadelphia [dal 4 aprile 2012], San Francisco, Seattle/Tacoma, Washington-Dulles
AustraliaVirgin Australia Brisbane, Melbourne, Sydney[1]

Terminal 4[modifica | modifica wikitesto]

Vista della galleria del Terminal 4.
La torre di controllo e il Theme Building visti dall'ingresso del Terminal 4 con le insegne di American Airlines e American Eagle.

Il Terminal 4 ha 14 gates ed è stato terminato nel 1961. Il gate 44 è in realtà un servizio autobus verso un terminal satellite dell'American Eagle posizionato 500 m a Ovest del Terminal 4. Nel 2001 sono stati spesi 400 milioni di dollari per migliorie estetiche e funzionali al terminal.

Compagnie aeree e destinazioni dal Terminal 4
Compagnie Destinazioni
Stati UnitiAmerican Airlines Austin, Boston, Chicago-O'Hare, Dallas/Fort Worth, Fort Lauderdale, Honolulu, Kahului, Kona, Las Vegas, Lihue, Londra-Heathrow, Miami, Nashville, New York–JFK, Newark, Orlando, St. Louis, San Francisco, San José del Cabo, Shanghai-Pudong, Tokyo-Narita, Toronto-Pearson, Washington-Dulles
Stati UnitiAmerican Eagle Albuquerque, Denver, El Paso, Fresno, Houston-Intercontinental, Monterey, Oklahoma City, Phoenix, Reno/Tahoe, Sacramento, Salt Lake City, San Diego, San Jose (CA), Santa Barbara, Santa Fe, Tucson, Stagionale: Aspen [I voli per i pendolari sono effettuati da un terminal satellite a 500 m dal Terminal 4 e collegato con questo da un servizio di navetta dal gate 44. Vi sono collegamenti navetta anche verso il Terminal 2 (gate 22A), Terminal 3 (gate 35), Terminal 5 e Terminal 6 a causa degli accordi di code-share con Northwest Airlines, Hawaiian Airlines, Alaska Airlines, Delta Air Lines e Continental Airlines]
AustraliaQantas Auckland, Brisbane

Terminal 5[modifica | modifica wikitesto]

Un Boeing 757-200 della Delta a Los Angeles nell'Agosto 2003.

Il Terminal 5 ha 14 gate e sin dalla sua apertura nel 1962 è stata la sede della Western Airlines. Dopo la fusione del 1º aprile 1987 con Delta Air Lines il Terminal 5 venne esteso e rimodellato e fu soprannominato Delta's Oasis at LAX (l'Oasi della Delta a LAX). Molti delle uscite sono temporaneamente inutilizzate.

Compagnie aeree e destinazioni dal Terminal 5
Compagnie Destinazioni
Stati UnitiDelta Air Lines Atlanta, Cincinnati/Northern Kentucky, Detroit, Guadalajara, Guatemala City, Honolulu, Indianapolis, Kahului, Kona, Las Vegas, Lihue, Memphis, Miami, Minneapolis/St. Paul, New Orleans, New York–JFK, Orlando, Philadelphia, Salt Lake City, San Francisco [dal 10 aprile 2012], Sydney, Tampa, Tokyo-Haneda, Tokyo-Narita, Stagionale: Cancún, Columbus (OH), Managua, Puerto Vallarta, Raleigh/Durham
Stati UnitiDelta Connection operato da Stati UnitiCompass Airlines Kansas City
Stati UnitiDelta Connection operato da Stati UnitiSkyWest Airlines Las Vegas, Oakland, Phoenix, Sacramento, Salt Lake City, San Diego, San Francisco

Terminal 6[modifica | modifica wikitesto]

Un Airbus A319 della Virgin America al Terminal 6.

Il Termina 6 ha 14 gates ed il suo aspetto è cambiato dall'apertura nel 1961. Nel 1979 sono state aggiunte nuove uscite e l'edificio principale è stato esteso. Quattro uscite hanno due jetways e sono quindi in grado di accogliere grandi aerei. A questo terminal hanno sede compagnie che hanno rapporti diversi con l'aeroporto.

Compagnie aeree e destinazioni dal Terminal 6
Compagnie Destinazioni
Stati UnitiAllegiant Air Bellingham, Billings, Des Moines, Eugene, Fargo, Fayetteville (AR), Grand Junction, Idaho Falls, Medford, Missoula, Pasco, Sioux Falls, Springfield (MO)
PanamáCopa Airlines Panama City
Stati UnitiFrontier Airlines Denver, Kansas City
Stati UnitiFrontier Airlines operato da Stati UnitiRepublic Airlines Denver, Kansas City
Stati UnitiGreat Lakes Airlines Farmington, Merced, Prescott, Visalia
Stati UnitiSpirit Airlines Chicago O'Hare, Detroit, Fort Lauderdale, Las Vegas
Stati UnitiUnited Airlines [gates arrivi e partenze, controlli di sicurezza per i voli internazionali e check-in Premier, vedere Terminal 7]

Terminal 7[modifica | modifica wikitesto]

Il Terminal 7 ha 11 gates ed è stato aperto nel 1962. Cinque di questi gates hanno due jetways e sono quindi in grado di accogliere grandi aerei. Questo terminal è la sede operativa di United Airlines, che considera l'aeroporto un hub maggiore. Di recente il terminal è stato rinnovato e possiede una Sala Red Carpet e un'International First Class Lounge

Destinazioni United Airlines dal Terminal 7
Compagnie Destinazioni
Stati UnitiUnited Airlines Baltimora, Boston, Cancún, Chicago-O'Hare, Cleveland, Denver, Guadalajara, Hilo, Honolulu, Houston-Intercontinental, Kahului, Kona, Las Vegas, León/El Bajío, Lihue, Londra-Heathrow, Melbourne, Mexico City, New Orleans, New York–JFK, Newark, Orlando, Pittsburgh, Puerto Vallarta, San Francisco, San José del Cabo, Shanghai-Pudong, Sydney, Tokyo-Narita, Washington-Dulles, Stagionale: Philadelphia

Terminal 8[modifica | modifica wikitesto]

Il Terminal 8 ha nove gates ed è stato aperto nel 1988. Progettato per aerei di piccole dimensioni, è stato sede della Shuttle by United fino al 2002, quando la United decise di spostare tutti i voli non operati dalla United Express ai Terminals 6 e 7. La United Express è un divisione regionale della United che opera voli di solito più corti di due ore ed ha la copertura di voli più estensiva all'interno della California di ogni altra compagnia.

Destinazioni United Express dal Terminal 8
Compagnie Destinazioni
Stati UnitiUnited Express operato da Stati UnitiSkywest Airlines Albuquerque, Austin, Bakersfield, Boise, Carlsbad, Colorado Springs, Dallas/Fort Worth, El Paso, Fresno, Imperial, Inyokern, Las Vegas, Monterey, Oklahoma City, Palm Springs, Phoenix, Portland (OR), Reno/Tahoe, Sacramento, Salt Lake City, San Antonio, San Diego, San Jose (CA), San Luis Obispo, Santa Barbara, Santa Maria, Seattle/Tacoma, St. George, Tucson, Tulsa, Vancouver, Yuma, Stagionale: Aspen, Bozeman, Jackson Hole, Montrose

Tom Bradley International Terminal (TBIT)[modifica | modifica wikitesto]

Il Tom Bradley International Terminal all'alba.

Il Tom Bradley International Terminal (in inglese: Terminal internazionale Tom Bradley) consta di 12 gates, sei nella zona Nord e sei in quella Sud. In più ci sono nove gates satelliti per i voli internazionali posizionate a Ovest dell'aeroporto. I passeggeri posso raggiungerla attraverso dei collegamenti in autobus.

Il TBIT è stato aperto per le Olimpiadi di Los Angeles '84 e deve il suo nome al primo sindaco afro-americano della città, che è anche quello dalla carriera più longeva, Tom Bradley. Il Terminal si trova tra il Terminals 3 e 4. Il TBIT è servito da 34 compagnie aeree e ogni anno transitano 10 milioni di passeggeri.

Nel Terminal si stanno attualmente svolgendo dei lavori per migliorare e modernizzare la struttura, specialmente il controllo bagagli. I lavori dovrebbero terminare entro il 2010.

Compagnie e destinazioni dal TBIT
Compagnie Destinazioni
RussiaAeroflot Mosca-Šeremet'evo
GermaniaAir Berlin Berlin-Brandenburg [dal 2 giugno 2012], Stagionale: Düsseldorf
FranciaAir France Parigi-Charles de Gaulle (solo per i voli operati con Airbus A380)
FigiAir Pacific Nadi
TahitiAir Tahiti Nui Papeete, Parigi-Charles de Gaulle
GiapponeAll Nippon Airways Tokyo-Haneda, Tokyo-Narita
Corea del SudAsiana Airlines Seoul-Incheon
Regno UnitoBritish Airways Londra-Heathrow
CinaHong KongCathay Pacific Hong Kong-Check Lap Kok
TaiwanChina Airlines Taipei-Taoyuan
CinaChina Eastern Airlines Shanghai-Pudong
CinaChina Southern Airlines Guangzhou
IsraeleEl Al Tel Aviv
Emirati Arabi UnitiEmirates Dubai
TaiwanEVA Air Taipei-Taoyuan
SpagnaIberia Madrid
GiapponeJapan Airlines Tokyo-Narita
Corea del SudKorean Air São Paulo-Guarulhos, Seoul-Incheon, Tokyo-Narita
CileLAN Airlines Lima, Santiago de Chile
PerùLAN Perú Lima
GermaniaLufthansa Francoforte sul Meno, Monaco di Baviera
MalesiaMalaysia Airlines Kuala Lumpur, Taipei-Taoyuan [termina il 23 marzo 2012], Tokyo-Narita [dal 25 marzo 2012]
FilippinePhilippine Airlines Manila
AustraliaQantas Melbourne, Sydney
SingaporeSingapore Airlines Singapore, Tokyo-Narita
SvizzeraSwiss International Air Lines Zurigo
ThailandiaThai Airways Bangkok-Suvarnabhumi, Seoul-Incheon [dal 1 maggio 2012]
TurchiaTurkish Airlines Istanbul-Atatürk

La sparatoria del 2013[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º novembre 2013 un ragazzo di 23 anni (un agente fuori servizio) apre il fuoco nel Terminal 3 uccidendo un agente della sicurezza e ferendo 7 persone, poi è stato ucciso dalla polizia. Tutti i passeggeri sono stati fatti evacuare uscendo sulla pista. L'aeroporto è stato chiuso e tutti i voli sono stati sospesi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Boeing Strike forces V Australia delay. URL consultato l'11 novembre 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]