Aeroporto di Varsavia-Chopin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aeroporto di Varsavia-Chopin
Warsaw Chopin Airport logo.jpg
IATA: WAW – ICAO: EPWA
Descrizione
Nome impianto Lotnisko Chopina w Warszawie
Tipo Civile e militare
Proprietario esercente Przedsiębiorstwo Państwowe "Porty Lotnicze" (PPL)
Stato Polonia Polonia
Voivodato Masovia Masovia
Città Varsavia
Posizione 13 km a sud di Varsavia
Costruzione 1934
Altitudine AMSL 110 m
Coordinate 52°09′57″N 20°58′02″E / 52.165833°N 20.967222°E52.165833; 20.967222Coordinate: 52°09′57″N 20°58′02″E / 52.165833°N 20.967222°E52.165833; 20.967222
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Polonia
EPWA
Sito web http://www.lotnisko-chopina.pl/
Piste
Orientamento (QFU) Lunghezza Superficie
15/33 3 690 × 60 m asfalto
11/29 2 800 × 50 m asfalto
Statistiche (2010)
Passeggeri in transito 8 700 000

Sito ufficiale delle statistiche

Terminal 1, sala partenze
Scultura del volto di Fryderyk Chopin, parte di un monumento all'ingresso del Terminal 1
Terminal 2, vista esterna
Terminal 2, area ritiro bagagli
Terminal 2, partenze

L'Aeroporto di Varsavia Fryderyk Chopin (IATA: WAW, ICAO: EPWA) è un aeroporto polacco situato a 13 km a sud di Varsavia.

È collegato alla città dal servizio ferroviario metropolitano (SKM).

Strategia[modifica | modifica sorgente]

È l'aeroporto più trafficato della Polonia, di cui gestisce quasi il 50% del numero totale di passeggeri[1].

Terminal[modifica | modifica sorgente]

L'aeroporto ha due terminal: il terminal 1 e il terminal 2.

Nel 2010, al fine di uniformare la denominazione degli edifici situati presso l'aeroporto, l'aeroporto Frederic Chopin di Varsavia ha ordinato che gli edifici esistenti "Terminal 1" e "Terminal 2" ricevessero un nome comune: "Terminal A". Un secondo cambiamento è la nuova denominazione dell' ex Terminal Aviazione VIP presso il Terminal Aviazione Generale ora chiamato Terminal A.

Terminal 1[modifica | modifica sorgente]

la parte più vecchia del Terminal A è stato inaugurato il 1 ° luglio 1992. La sua capacità iniziale era di circa 3,5 milioni di passeggeri l'anno, con la ricostruzione della linea ferroviaria l'affluenza è aumentata a circa 5,5 milioni di passeggeri. A settembre 2012 ha iniziato la sua conversione, che si propone di integrare l'edificio architettonico e funzionale con una nuova parte del terminal e la costruzione di un passaggio sotterraneo che collega direttamente la sala arrivi della nuova stazione ferroviaria;

Terminal 2[modifica | modifica sorgente]

La parte più nuova del Terminal A è progettata per gestire 6,5 milioni di passeggeri l'anno. Il numero dei banchi check-in è 70. La sala degli arrivi è stata inaugurata il 1 ° dicembre 2006. L'area partenze del Terminal 2 ha ottenuto il permesso per il traffico passeggeri il 7 marzo 2008. 12 marzo sono cominciati i traffici per voli charter e il 18 marzo i restanti voli di linea; è in ulteriore espansione il molo esistente che è stato costruito a nord del molo centrale ed è stato completato il lavoro a quello sud (apertura 8 agosto 2011 ).I passeggeri in attesa nell'area duty free possono usufruire di un'unica grande sala la cui lunghezza è 725 m, le compagnie aeree ed i passeggeri hanno guadagnato 11 nuovi gate,che si trovano nel molo sud e del centro, il terminal dispone di 45 gate.

Il General Aviation Terminal[modifica | modifica sorgente]

già VIP Aviation Terminal il 17 gennaio. E 'stato inaugurato l'8 luglio 2005. utilizzato dai passeggeri che utilizzando aerei privati o aziendali di aviazione generale. È situato in un edificio rimodernato dal vecchio terminal aereo nazionale.

Allo stesso tempo, nel complesso aeroportuale ci sono hub di compagnie aereecargo: Cargo freight station - situata nella parte meridionale del aeroporto.

Aeroporto Militare - che si trova prima di entrare nell' aeroporto civile. Vi si trova da una flotta di aerei 36 Special Air Transport Regiment (sciolto nel mese di agosto 2011). Il terminal Aeroporto Militare (Terminal WPL) sostenuto da una base aerea è utilizzato specificamente per trasportare i membri del servizio delle più alte autorità del governo dello stato che ricevono delegazioni straniere e altri compiti relativi al funzionamento dell'amministrazione statale.

Terminal 2[modifica | modifica sorgente]

Questo terminal, più grande del Terminal 1, è stato aperto il 12 marzo 2008. Vi fanno scalo le compagnie dei gruppi Oneworld e Star Alliance e numerose altre compagnie.

  • Slovenia Adria Airways (Lubiana)
  • Irlanda Aer Lingus (Dublino)
  • Lettonia airBaltic (Riga)
  • Italia Alitalia (Roma-Fiumicino, Milano-Linate)
  • Austria Austrian Airlines (Vienna)
  • Regno Unito British Airways (Londra-Heathrow)
  • Belgio Brussels Airlines (Bruxelles)
  • Rep. Ceca Czech Airlines (Praga)
  • Israele El Al (Tel Aviv)
  • Finlandia Finnair (Helsinki)
  • Polonia Polskie Linie Lotnicze LOT (Amburgo, Amsterdam, Atene, Barcellona, Belgrado, Berlino-Brandenburg [dal 2014], Beirut, Bruxelles, Bucharest-Otopeni, Budapest, Cairo, Chicago-O'Hare, Copenhagen, Cracovia, Donetsk, Düsseldorf, Francoforte, Gdańsk, Ginevra, Hanoi [termina il 27 marzo], Helsinki, Istanbul-Atatürk, Kaliningrad, Katowice, Kiev-Boryspil, Larnaca, Londra-Heathrow, Lviv, Madrid, Milano-Malpensa, Minsk, Monaco di Baviera, Mosca-Sheremetyevo, New York-JFK, Newark, Nizza, Odessa, Parigi-Charles de Gaulle, Pechino-Capital, Poznań, Praga, Roma-Fiumicino, Rzeszów, San Pietroburgo, Sofia, Stoccolma-Arlanda, Szczecin, Tallinn, Tbilisi, Tel Aviv-Ben Gurion, Toronto-Pearson, Vienna, Wrocław, Yerevan, Zurigo)
    • operato da Polonia EuroLOT (Berlino-Tegel, Bratislava, Breslavia, Cracovia, Danzica,Katowice, Leopoli, Poznań, Riga, Rzeszów, Szczecin, Vilnius)
  • Germania Lufthansa (Francoforte)

Incidenti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (PL) Data from The Civil Aviation Office of Poland (Urząd Lotnictwa Cywilnego) (PDF). URL consultato il 24-01-2009.
  2. ^ (IT) Polonia, Boeing atterra senza carrello da www.tgcom.mediaset.it
  3. ^ (IT) Polonia, Boeing atterra senza carrello da www.tgcom.mediaset.it
  4. ^ (PL) Video dell'atterraggio d'emergenza da www.wiadomosci.gazeta.pl

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]