Aeroporto di Londra-City

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aeroporto di Londra-City
London.City.Airport.jpg
IATA: LCY – ICAO: EGLC
Descrizione
Nome impianto London City Airport
Tipo civile
Proprietario Global Infrastructure Partners (GIP): 75%; Highstar Capital (Highstar): 25%[1]
Esercente London City Airport Ltd.
Stato Regno Unito Regno Unito
Regione/area/distretto Inghilterra Inghilterra
Città Londra
Altitudine AMSL 19 ft / 6 m
Coordinate 51°30′19″N 0°03′19″E / 51.505278°N 0.055278°E51.505278; 0.055278Coordinate: 51°30′19″N 0°03′19″E / 51.505278°N 0.055278°E51.505278; 0.055278
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Regno Unito
EGLC
Sito web http://www.londoncityairport.com
Piste
Orientamento (QFU) Lunghezza Superficie
09/27 1 508 m calcestruzzo scanalato
PAPI
Statistiche (2010)
Passeggeri in transito 2 793 813

[2][3]

Il London City Airport è uno dei cinque principali aeroporti di Londra.[4] La città è servita da altri 4 aeroporti.

Esso è situato a est dei Docklands, nel distretto di Newham, a 6 miglia nautiche a est dalla City.[2][3]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Ideato nel 1981 per servire il distretto finanziario di Londra, l'aeroporto venne inaugurato nel 1987 dalla Regina Elisabetta II.[5]

I passeggeri hanno accesso allo scalo tramite la London City Airport DLR Station, servita dalla Docklands Light Railway, inaugurata nel 2005. L'aeroporto è raggiungibile anche tramite autobus con le linee 473 e 474 della Transport for London.

Dati tecnici[modifica | modifica sorgente]

Lo scalo, progettato per operazioni di STOL, dispone di un'unica pista orientata 09/27 di 1.508 metri, in calcestruzzo scanalato e dotata di sistema PAPI. È il quinto aeroporto, per ordine d'importanza, della capitale britannica.

Aerei certificati per operare voli commerciali di linea sull'aeroporto di Londra-City:[6]

Compagnie aeree e destinazioni[modifica | modifica sorgente]

[7]

Incidenti[modifica | modifica sorgente]

  • Il 18 agosto 2007 un BAe 146 della Swiss (volo 444) ha effettuato un "hard-landing" riportando sostanziali danni.[8]
  • Il 13 febbraio 2009, il carrello di un aereo BAe 146 della British Airways (volo 8456) proveniente da Amsterdam si è spezzato in fase di atterraggio. I 67 passeggeri e i 5 membri dell'equipaggio sono stati evacuati.[9]. 2 passeggeri hanno riportato lievi ferite e per uno si è reso necessario il ricovero in ospedale.
  • Il 15 maggio 2014, un pezzo d'ala di un BAe 146 della CityJet diretto a Firenze, si è staccato immediatamente dopo il decollo costringendo il capitano ad un atterraggio di emergenza all'aeroporto di London City. Nessun ferito a bordo tra i 61 passeggeri e l'equipaggio.[10]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.londoncityairport.com/AboutUs/CorporateInformation.aspx London City Airport, Corporate information
  2. ^ a b http://www.lcacc.org/operations/index.html London City Airport Consultative Committee
  3. ^ a b http://www.ead.eurocontrol.int/eadbasic/pamslight-DEAD1D7C916F42221E22A897AA6FC980/7FE5QZZF3FXUS/EN/AIP/AD/EG_AD_2_EGLC_en_2011-04-07.pdf Eurocontrol
  4. ^ http://www.tfl.gov.uk/gettingaround/2558.aspx Transport for London
  5. ^ http://www.lcacc.org/history/index.html#1987 Lcacc - Airport History
  6. ^ Aircraft currently approved
  7. ^ London City Airport Destinations and Airlines. URL consultato il 03-01-2011.
  8. ^ Photo of Avro RJ.100 HB-IYU - Aviation Safety Network
  9. ^ http://news.bbc.co.uk/2/hi/in_depth/7889727.stm BBC
  10. ^ Part of plane's wing falls off during CityJet flight from London to Florence

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]