Aeroporto di Casablanca-Anfa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Aeroporto di Casablanca-Anfa
IATA: CAS – ICAO: GMMC
Descrizione
Nome impianto Aéroport de Casablanca-Anfa
Tipo civile
Stato Marocco Marocco
Regione Grande Casablanca
Città Casablanca
Altitudine AMSL 62 m
Coordinate 33°33′25″N 7°39′38″W / 33.556944°N 7.660556°W33.556944; -7.660556Coordinate: 33°33′25″N 7°39′38″W / 33.556944°N 7.660556°W33.556944; -7.660556
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Marocco
GMMC
Piste
Orientamento (QFU) Lunghezza Superficie
08/26 2 104 m asfalto

dati estratti da Great Circle Mapper[1]

L'Aeroporto di Casablanca-Anfa (IATA: CAS, ICAO: GMMC) è un aeroporto marocchino situato a circa 6 km a sud-ovest dal centro della città di Casablanca, in località Anfa, già cittadina del circondario di Casablanca ed ora integrata nella struttura cittadina. La struttura è dotata di un'unica pista in asfalto lunga 2 104 m e larga 45 m, ad un'altitudine di 62 m (203 ft) e con orientamento 08/26.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Costruito nel 1920 dal governo coloniale francese, l'aeroporto di Anfa è la principale aerostazione di Casablanca da quando l'aeronautica statunitense chiuse la propria base a Nouasseur nel 1959. La Nouasseur Air Base fu quindi rinominata in Mohammed V International Airport ed ampliata nel corso degli anni per ricevere il traffico di grandi aerei jet.

Durante la seconda guerra mondiale, l'aeroporto di Anfa fu acquisito dal governo francese di Vichy e utilizzato come aeroporto e base aerea per l'Armée de l'air de l'armistice, l'aeronautica militare francese di quel periodo, per operazioni limitate dalle convenzioni dettate dall'armistizio con la Germania nazista. Fu utilizzato anche da Deutsche Lufthansa e per trasporti militari tedeschi. È stato inoltre immortalato nel film del 1942 Casablanca.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Karl L. Swartz, GMMC - Airport in Great Circle Mapper, http://rwebs.net/avhistory. URL consultato il 6 ottobre 2011.