Aeroporto dell'Isola di Man

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aeroporto dell'Isola di Man
Ronaldsway Airport by Malost.JPG
IATA: IOM – ICAO: EGNS
Descrizione
Nome impianto Isle of Man Airport
Purt Aer Vannin
Tipo civile
Proprietario Governo dell'Isola di Man
Stato Regno Unito Regno Unito
   Isola di Man Isola di Man
Città Ronaldsway
Posizione 11 km a Sud-Ovest della capitale Duglas
Base Manx2
Costruzione 1928
Altitudine AMSL 16 m
Coordinate 54°05′00″N 4°37′26″W / 54.083333°N 4.623889°W54.083333; -4.623889Coordinate: 54°05′00″N 4°37′26″W / 54.083333°N 4.623889°W54.083333; -4.623889
Sito web www.iom-airport.com
Piste
Orientamento (QFU) Lunghezza Superficie
08/26 1 753 x 46 m asfalto
CL, HIRL, BO (solo Runway 08), J (solo Runway 26), PAPI
03/21 1 149 x 46 m asfalto
HIRL, BO (solo Runway 21), PAPI
Statistiche (2010)
Passeggeri in transito 675 871

i dati sono estratti da World Aeronautical Database[1]

L'Aeroporto dell'Isola di Man (in mannese Purt Aer Vannin) (IATA: IOM, ICAO: EGNS) è un aeroporto britannico situato a Ronaldsway, villaggio a circa 2 km a Nord-Est dal centro della città di Castletown (parrocchia di Malew) e ad 11 km a Sud-Ovest della capitale Duglas, nell'Isola di Man.

La struttura, posta all'altitudine di 16 m/ 52 ft sul livello del mare, è dotata di due piste, entrambe con fondo in asfalto, la prima lunga 1 753 m e larga 46 m (5 751 x 151 ft) con orientamento 08/26[2], la seconda con dimensioni 1 149 x 46 m (3 934 x 151 ft) con orientamento 03/21[3].

L'aeroporto, di proprietà del Governo mannese, è aperto al traffico commerciale e risulta il principale aeroporto civile dell'Isola di Man.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'aeroporto venne costruito nel 1928 e il primo volo passeggeri per il Regno Unito decollò nel 1933. Nel 1936 durante i lavori per l'espansione del terminal vennero trovati diversi resti delle vittime della Battaglia di Ronaldsway avvenuta nel 1275.

Durante la Seconda guerra mondiale l'aeroporto venne posto sotto il controllo della Royal Air Force (RAF) ed identificato come base aerea RAF Ronaldsway, nonostante ciò fu uno dei pochi aeroporti ad operare voli civili durante il conflitto. Le operazioni della RAF sono continuate fino al 1943, quando la pista è passata sotto il controllo dell'ammiragliato come base per la Fleet Air Arm, la componente aerea della Royal Navy, la marina militare britannica.

Sotto il controllo della Fleet Air Arm mutò la sua designazione in RNAS Ronaldsway e venne chiuso fino al 1944 per lavori. La struttura, fino ad allora costituita da un paio di hangar e dotata di una sola pista con fondo erboso, venne trasformata in un aeroporto con 4 piste e diverse infrastrutture in grado di ospitare 3 Squadron da addestramento per la formazione dei propri equipaggi.

Quasi subito dopo la guerra l'aeroporto è tornato ad effettuare il solo servizio civile, nonostante ciò esso rimaneva in possesso dell'Admiralty, l'ammiragliato britannico, sino alla vendita al Governo dell'Isola di Man per 200 000 £ nel 1948.

Un Vickers Viscount 806 marche G-BFZL della compagnia aerea mannese Mannin Airways in sosta all'aeroporto.

Le prime compagnie aeree ad effettuare voli charter e di linea per il Regno Unito furono la Mannin Airways e la North-West Airlines e che entrambe cessarono di operare nel 1951. Dal 1982 al 2002 presso l'aeroporto si trovava la sede della Manx Airlines, in seguito diventata l'attuale Manx2, che ha la sede nell'Hangar 9.

Nel primo decennio del 2000 l'aeroporto ha subito diverse espansioni che hanno portato all'allungamento della pista, permettendo così l'uso della stessa anche da aerei più pesanti, e l'ingrandimento dei terminal aumentando così i gates.

Compagnie aeree e destinazioni[modifica | modifica sorgente]

Elenco delle compagnie aeree operanti[4]:

Compagnia aerea Destinazioni
Aer Arann Dublino, Londra-City
Blue Islands Guernsey e Jersey
easyJet Liverpool
Flybe Bruxelles, Bristol, Birmingham, Düsseldorf stagionale, Ginevra stagionale, Ibiza stagionale, Jersey, Liverpool, Londra-Gatwick, Londra-Luton, Manchester, Minorca stagionale, Ostenda-Bruges, Maiorca stagionale e Southampton)
Loganair Edimburgo e Glasgow
Manx2 Anglesey stagionale, Belfast-City, Blackpool, Gloucestershire, Isola di Jersey, Leeds-Bradford e Newcastle upon Tyne

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) World Aero Data: ISLE OF MAN -- EGNS in World Aeronautical Database, http://worldaerodata.com/. URL consultato il 7 gennaio 2012.
  2. ^ (EN) World Aero Data: ISLE OF MAN Runway 08/26 in World Aeronautical Database, http://worldaerodata.com/. URL consultato il 7 gennaio 2012.
  3. ^ (EN) World Aero Data: ISLE OF MAN Runway 11/29 in World Aeronautical Database, http://worldaerodata.com/. URL consultato il 7 gennaio 2012.
  4. ^ (EN) Arrivals - Isle of Man Airport Website in Isle of Man Public Services, http://www.gov.im/. URL consultato il 7 gennaio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]