Aelita (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Aelita
Aelita.jpg
Locandina del film
Titolo originale Аэлита
Paese di produzione URSS
Anno 1924
Durata 113 min
Colore B/N
Audio muto
Genere fantascienza
Regia Jakov Aleksandrovič Protazanov
Soggetto Aleksej Nikolaevič Tolstoj dall'omonimo romanzo
Sceneggiatura Aleksej Fajko e Fëdor Ozep
Fotografia Emil Schünemann
Jurij Željabužskij
Musiche Aleksandr Rannie
su tema di Prokof'ev
Scenografia Sergej Kozlovskij
Isaak Rabinovič
Victor Simov
Interpreti e personaggi

Aelita (Аэлита) è un film muto del 1924 diretto da Jakov Aleksandrovič Protazanov. Tratto dal romanzo omonimo di Aleksej Nikolaevič Tolstoj, è considerato il primo colossal sovietico di fantascienza.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Un fotogramma del film

La storia è ambientata nell'anno 1921: le radio del mondo intero captano un messaggio misterioso, il testo è sibillino in quanto comunica solo 3 parole di una lingua sconosciuta: « Anta… Adeli… Uta… ».

A Mosca, vivono l'ingegnere Los e il suo collega Spiridinov. Il primo di loro si sente spiato; scoprirà poi di essere osservato con un potente telescopio dalla regina di un pianeta lontano, l'Aelita del titolo del film. Egli inizia un sogno che mescola realtà e fantasia, in cui, dopo aver ucciso la moglie in un atto di gelosia,[1] parte subito verso il luogo da cui proviene il segnale, Marte. Al suo arrivo la incontra e si innamora di lei.[2]

Ma il suo compagno Gusev partito con lui gli chiarirà le idee facendo notare come la donna di cui è innamorato è in realtà una tiranna. Dopo aver iniziato una rivolta contro di lei i due fuggono.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Nel 1922, lo scrittore russo Aleksej Nikolaevič Tolstoj (18831945), pubblicò Aelita, uno dei suoi pochi romanzi di carattere fantascientifico.

Nel 1924 la casa cinematografica Mežrabpom-Rus' intenta a produrre film tratti dai classici,[3] si interessò alla produzione del film, e per il lavoro venne scelto il regista Jakov Protazanov (1881-1945), tornato da poco dalla Francia dove era emigrato nel 1920.[4]

Julija Solnceva (19011989), interprete di Aelita, era alla sua prima apparizione nel grande cinema.

Critica[modifica | modifica sorgente]

Le Izvestija scrissero a proposito del film: «La montagna ha partorito un topolino, ossia molto rumore per nulla. Un anno di lavoro, notevoli spese per la messa in scena e la pubblicità, la migliore organizzazione tecnica, un noto regista, attori interessanti, un celebre romanzo, un volo in un altro mondo, la rivoluzione su Marte, la Russia sovietica nel 1921... e il risultato: uno sciocco sogno di borghesuccio. Il fiero volo è finito con una bolla di sapone».

Il film fu giudicato mancante «d'uno scopo ideologico e artistico», un prodotto di compromesso per cercare di adeguarsi a un genere in voga nell'Europa occidentale: «La Russia sta seduta tra due sedie, delicatamente appollaiata sullo sgabello sovietico tenta di farsi un posto anche nella morbida poltrona straniera. Non ce l'ha fatta a sedersi su entrambe, e si è trovata tra loro e noi, come un conciliatore tra due forze opposte».[5]

Per lo storico Nikolaj Lebedev Aelita è «un tipico filmone commerciale, sontuoso, elegante, ben fotografato, ma ideologicamente vuoto ed esteticamente eclettico».[6]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ R. Chiavini, G. F. Pizzo, M. Tetro, Il grande cinema di fantascienza: aspettando il monolito nero: 1902-1967, 2003, p. 70.
  2. ^ R. Chiavini, G. F. Pizzo, G. De Turris, Dizionario dei personaggi fantastici: i protagonisti della fantascienza, della fantasy e dell'horror nel cinema, nel fumetto e nella letteratura, 1996, p. 16.
  3. ^ N. A. Lebedev, Il cinema muto sovietico, 1962, p. 148.
  4. ^ L. Kouléchov, F. Albéra, V. Posener, Ecrits (1917-1934), 1994, p. 92.
  5. ^ C. Chersonskij, Aelita, in «Izvestija», 2 ottobre 1924.
  6. ^ N. A. Lebedev, cit., p. 149.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Nikolaj A. Lebedev, Il cinema muto sovietico, Torino, Einaudi, 1962
  • Lev Kouléchov; François Albéra, Valérie Posener, Ecrits (1917-1934), Paris, Éditions L'Âge d'Homme, 1994 ISBN 978-2-8251-0509-2
  • Roberto Chiavini, Gian Filippo Pizzo, Gianfranco De Turris, Dizionario dei personaggi fantastici: i protagonisti della fantascienza, della fantasy e dell'horror nel cinema, nel fumetto e nella letteratura, Roma, Gremese, 1996 ISBN 978-88-7742-047-3
  • Roberto Chiavini, Gian Filippo Pizzo, Michele Tetro, Il grande cinema di fantascienza: aspettando il monolito nero: 1902-1967, Roma, Gremese, 2003 ISBN 978-88-8440-266-0

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]