Aeger (zoologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Aeger
Aeger elegans fossil.jpg
Aeger elegans
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Arthropoda
Subphylum Crustacea
Classe Malacostraca
Famiglia Aegeridae
Genere Aeger

L'aeger (gen. Aeger) è un crostaceo fossile, vissuto tra il Triassico superiore e il Giurassico superiore (tra 210 e 150 milioni di anni fa). I suoi resti sono stati rinvenuti in Europa.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Questo animale, molto simile a un gamberetto e di dimensioni non superiori agli otto centimetri di lunghezza, era un crostaceo malacostraco della famiglia delle Aegeridae, un gruppo molto antico risalente al Triassico inferiore. Il corpo dell'aeger era compresso lateralmente, con tre paia di appendici munite di chele, e un addome piuttosto allungato. Le antenne e le antennule erano molto sviluppate. Probabilmente questi piccoli animali vivevano in un modo molto simile agli attuali gamberi, predando piccoli animali delle acque costiere.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Fossile di Aeger foersteri, proveniente da Osteno

L'aeger era molto comune negli ambienti marini costieri di gran parte dell'Europa. Molti fossili perfettamente conservati sono stati rinvenuti nel giacimento di Solnhofen in Baviera, lo stesso che ha restituito il famoso "primo uccello", Archaeopteryx lithographica. Questi ritrovamenti mettono in risalto alcuni particolari delicatissimi, come le antenne e le appendici toraciche. Altri fossili un poco più antichi ma ugualmente notevoli provengono dal giacimento di Osteno, in Lombardia. Tra le specie più note di Aeger si ricordano A. insignis A. tipularius.

Specie[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) G. Schweigert, The late Jurassic decapod species Aeger tipularius (Schlotheim, 1822) (Crustacea: Decapoda: Aegeridae), Stuttg. Beitr. Naturk. 2001c. B309: 1-10.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]