Adyton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Pianta di un tempio greco in cui è evidenziato l'adyton. (Tempio E di Selinunte)

L'adyton (in greco antico τὸ ἄδυτον, letteralmente « luogo in cui non è possibile entrare ») era, nell'architettura dei templi greci e romani, uno spazio precluso ai fedeli e riservato agli officianti del culto per funzioni specifiche per lo più religiose. Generalmente la statua della divinità era collocata nella cella (naos) - la principale camera interna di un tempio greco -, ma, in taluni casi, poteva trovarsi invece nell'adyton.

Normalmente questa sala era situata posteriormente al naos, più spesso senza una rigida separazione da quest'ultimo, ma incassata al suo interno; più raramente, invece, come nel caso della sala in cui riceveva la Pizia dell'oracolo di Delfi, l'adyton poteva essere una camera sotterranea (definibile più propriamente come una cripta) o, al contrario, sopraelevata su un podio.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • René Ginouvès, Dictionnaire méthodique de l'architecture grecque et romaine. Tome III. Espaces architecturaux, bâtiments et ensembles, Roma, École française de Rome - École française d'Athènes, 1998, pp. 43-44. ISBN 2-7283-0529-3.
architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura